Gualtieri mette mano al “cantiere” sul fisco

  • GOVERNO

ROMA «Venerdì dovrei vedere le parti sociali sul taglio del cuneo fiscale». Lo ha annunciato il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, riaprendo il discorso sull’intera riforma dell’Irpef. Immediata la replica del M5S. «Abbiamo una proposta e idee chiare su ciò che va fatto - ha commentato la viceministra all’Economia, Laura Castelli - sono certa che prima ci vedremo come maggioranza con il ministro per condividere una linea unitaria».

Paletti già disegnati

Gualtieri vuole aprire un “cantiere” per «ridisegnare un fisco più equo, semplice e trasparente». Il taglio del cuneo fiscale è il punto di partenza e uno dei paletti in parte già disegnato: nella legge di bilancio sono stati stanziati 3 miliardi per quest’anno e 5 per il 2021. Si punta a far pagare già nel 2020 circa 500 euro in meno di tasse ai lavoratori dipendenti con un reddito inferiore ai 35.000 euro. Nel 2021 il vantaggio arriverebbe a regime fino a 1.000 euro netti per chi oggi non ha diritto al bonus 80 euro. Quanto all’ipotesi della trasformazione del bonus in detrazione si stanno approfondendo «soluzioni tecniche». Resta il nodo dell’estensione del beneficio sotto la soglia degli 8.000 euro.

«Buco nero perenne»

Ieri, intanto, è iniziata alla Camera la discussione generale sul decreto Alitalia. «Non può rimanere un buco nero perenne e la politica ha il compito di prendere anche decisioni difficili - ha precisato il viceministro dello Sviluppo economico, Stefano Buffagni - è un tema complessissimo, con un’azienda costantemente in perdita che drena soldi. Credo sia fondamentale dare mandato al commissario straordinario di fare un piano che garantisca una sostenibilità dei conti».

«Azzolina in Aula»

E resta aperto il caso della tesi copia e incolla della neo ministra dell’Istruzione. «Se Lucia Azzolina non ha nulla da nascondere, anzichè mostrare saccenza e arroganza spieghi al Parlamento e al M5S le presunte irregolarità che stanno emergendo sulla sua carriera», hanno scritto i capigruppo della Lega a Camera e Senato.

METRO

Articoli Correlati

Renzi attacca ancora"Se Conte respinge nostre idee..."

Matteo Renzi: "Se Conte riterrà di respingere le nostre idee, faremo senza polemiche un passo indietro"

Renzi al Governo"Così non si va avanti"

Matteo Renzi a Porta a Porta: "Così non si va avanti". "Serve l'elezione diretta del presidente del Consiglio"

L'incognita Renzifa ballare il Governo

Nel governo aria di burrasca: nuovi arrivi in Italia Viva, Renzi prepara una sorta di sfiducia