Non sopravviveranno gli animali scampati ai roghi

  • Australia

Gli animali che sopravviveranno ai roghi attuali in Australia, non riusciranno a scampare nei mesi successivi alla mancanza di cibo e all'habitat impervio in cui si troveranno.  L'agghiacciante previsione è di Michael Clarke, un ecologo della La Trobe University a Bundoora, Melbourne, che ha studiato l'effetto degli incendi sugli ecosistemi e il modo in cui questi si riprendono. Clarke -che, da quando, 15 anni fa, un incendio ha devastato la sua proprietà agricola, ha studiato come gli animali si comportano dopo gli incendi- è stato intervistato da Nature e alla prestigiosa rivista ha spiegato ​perché gli incendi di questa stagione australe potrebbero rivelarsi particolarmente devastanti.

Incendi. "Dopo un incendio -racconta - una foresta è mortalmente silenziosa. A parte i 'becchini' - i mangiatori di carogne come i corvi che picchiettano sui cadaveri - non c'è molto altro: è un'esperienza agghiacciante. E per i sopravvissuti, si prospetta una vita particolarmente pericolosa. Gli animali che riescono a superare indenni il fuoco devono affrontare tre grandi sfide. Prima di tutto devono trovare riparo nelle situazioni estreme climatiche: luoghi in cui possano proteggersi dalle intemperie, come la cavità di un albero o una tana nel terreno. Il secondo è il rischio di morire di fame. Il terzo, è che devono evitare i predatori come i gatti selvatici o le volpi. Sono dunque molto esposti perchè non ci sono posti dove nascondersi in un paesaggio brullo".

Cenere. L'entità dei roghi che da mesi bruciano in Australia, negli Stati del Nuovo Galles del Sud e Victoria, non ha precedenti. Non solo per gli spazi enormi ridotti in cenere, ma anche perchè "gli incendi stanno bruciando in modo diverso da come hanno fatto in passato", prosegue Clarke. "Un tempo, si poteva fare affidamento sui canali umidi nel terreno che fanno da barriere naturali alla propagazione delle fiamme. Ma quest'anno, con la siccità, i fuochi avanzano attraverso i canali e le sacche della foresta pluviale e che sarebbero invece i luoghi in cui gli animali potrebbero rifugiarsi in futuro". Certamente alcuni animali sono più resistenti al fuoco di altri: "I più adatti sono quelli che possono rimanere sottoterra: le colonie di termiti ronzano allegramente sotto i roghi che consumano tutto. Ugualmente le lucertole nelle tane. Ma la stragrande maggioranza degli animali viene semplicemente incenerita". "Sono a rischio anche gli uccelli molto grandi e che volano in alto". Quanto al futuro a breve termine, "ci vorrà tempo per capire l'entità del danno e il recupero sarà più lento che nelle precedenti occasioni. La ricrescita della vegetazione dipende dalle precipitazioni e le piogge sono diventate così imprevedibili. Quanto alle cavità degli alberi e agli alberi che producono nettare, risorse così preziose per gli animali, impiegano anni se non decenni per riprendersi".

Articoli Correlati

Bruciata area grandequanto tutta la Corea del Sud

Australia, nell’atmosfera 400 milioni di tonnellate di anidride carbonica, quanta ne emettono ogni anno 116 nazioni

"Bevono troppa acqua"Abbattuti 10mila cammelli

Australia devastata dagli incendi: fino a 10.000 cammelli verranno abbattuti

Modella regala foto nudaa chi dona soldi per l'Australia

Si chiama Kaylen Ward e ha già raccolto 700 mila dollari