Manovra al fotofinish Si chiude con la fiducia

  • manovra

Manovra 2020 in dirittura di arrivo: si appresta a tagliare oggi l’ultimo traguardo parlamentare con un nuovo voto di fiducia. Per scongiurare il rischio di esercizio provvisorio, l’esecutivo ha ‘blindato’ il testo in seconda lettura e la Camera licenzierà il provvedimento senza alcuna modifica rispetto al restyling approvato al Senato (sempre con fiducia) dopo un iter tormentato che ha messo a dura prova tenuta del governo. Per la maggioranza si tratta di “un piccolo miracolo”. “Con la Legge di Bilancio non ci limitiamo a mettere il Paese e i conti in sicurezza, ma vogliamo intraprendere un cammino ambizioso che attraverso il dialogo e il confronto con tutti punta a rendere l'Italia un Paese non solo più prospero ma più giusto e più unito”, ha sottolineato ieri il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri in una lettera pubblicata da Avvenire. Ma le opposizioni sono insorte accusando il governo di censura.

Iva e microtasse.  Nel corso dell'iter al Senato la manovra è lievitata oltre 31 miliardi (per circa la metà in deficit): le modifiche apportate dal governo e dal Parlamento valgono circa 3 miliardi. Sterilizzate totalmente le clausole di salvaguardia per il 2020 ma si dovranno comunque disinnescare aumenti di Iva e accise per 20,1 miliardi nel 2021 e 27,1 miliardi nel 2022. Prevista anche una clausola salva-spesa con l’accantonamento di 1 miliardo di euro nel 2020 per assicurare il conseguimento degli obiettivi programmatici di bilancio. Le micro tasse, ovvero l’imposta sulla plastica e sulle bevande zuccherate, e la stretta sulle auto aziendali hanno tenuto banco nel dibattito pubblico e hanno creato non poche tensioni all’interno della maggioranza, con Italia Viva che ha condotto una vera e propria battaglia 'no tax' che ha portato a riscrivere le principali misure di entrata. Nel 2020 il gettito della plastic tax è stato quindi ridotto dal miliardo atteso inizialmente a 140,5 milioni, praticamente azzerata la stretta sulle auto aziendali così come la sugar tax sulle bevande zuccherate. Per compensare la marcia indietro sulle micro-tasse è stata introdotto la Robin tax al 3,5% sui concessionari pubblici con la platea ristretta al settore dei trasporti, una nuova stretta sui giochi da oltre un miliardo di euro e un'operazione da 460 milioni sui trasferimenti a Rete ferroviaria italiana per utilizzare altri 400 milioni di risparmi 2019 da reddito di cittadinanza e quota 100. Una fetta consistente delle coperture è stata garantita dal dl fiscale collegato approvato in via definitiva dal Senato.

Articoli Correlati

Cancellato il via liberaalla cannabis light

Cannabis light, il presidente del Senato Casellati ha annunciato in Aula l'inammissibilità per estraneità di materia

Manovra in diritturaEcco quello che cambia

la Commissione Bilancio del Senato ha dato il mandato al relatore a riferire in Aula sulla manovra

Bonus latte artificialefino al sesto mese del neonato

Le neo mamme affette da condizioni patologiche potranno contare su un bonus fino al sesto mese di vita del neonato