Aumentano gli italiani che emigrano all'estero

  • Istat

​Aumentano gli italiani che si trasferiscono all’estero, mentre per la prima volta in 5 anni diminuiscono le immigrazioni nel nostro Paese, con un netto calo soprattutto degli arrivi dall'Africa. E' la fotografia scattata dall'Istat nel rapporto ​Iscrizioni e cancellazioni anagrafiche della popolazione residente-Anno 2018.    ​Nel 2018, si legge nel report, il volume complessivo delle cancellazioni anagrafiche per l’estero è di 157 mila unità, in aumento dell’1,2% rispetto all’anno precedente. Le emigrazioni dei cittadini italiani sono il 74% del totale (116.732). Se si considera il numero dei rimpatri (iscrizioni anagrafiche dall’estero di cittadini italiani), pari a 46.824, il calcolo del saldo migratorio con l’estero degli italiani (iscrizioni meno cancellazioni anagrafiche) restituisce un valore negativo di 69.908 unità. Il tasso di emigratorietà dei cittadini italiani è pari a 2,1 per 1.000.

Saldo negativo.   Nel decennio 1999-2008 gli italiani che hanno trasferito la residenza all’estero sono stati complessivamente 428 mila a fronte di 380 mila rimpatri, con un saldo negativo di 48 mila unità. Dal 2009 al 2018 si è registrato un significativo aumento delle cancellazioni per l’estero e una riduzione dei rientri (complessivamente 816 mila espatri e 333 mila rimpatri); di conseguenza, i saldi migratori con l’estero dei cittadini italiani, soprattutto a partire dal 2015, sono stati in media negativi per 70 mila unità l’anno.

Articoli Correlati

Istat, l’inflazione andrà in monopattino

Aggiornati i beni del paniere 2020 per la rilevazione delle spese. Ecco che cosa entra...

Culle vuote Un anno da record

Italia in declino demografico: mai così poche nascite dall'Unità d'Italia

Secondo trimestre nero"Probabile contrazione del Pil"

Istat: La probabilità di contrazione del Pil nel secondo trimestre è "relativamente elevata"