Piazza San Carlo Appendino sceglie il rito abbreviato

  • TORINO

TORINO «Con questa scelta è mia intenzione contribuire a favorire una più rapida conclusione del processo e la conseguente definizione delle responsabilità in sede giudiziaria».

Ha chiesto il rito abbreviato la sindaca Chiara Appendino, per l’inchiesta sui fatti di piazza San Carlo. L’episodio di panico, in cui rimasero ferite più di 1.500 persone, e in cui due donne persero la vita, avvenne il 3 giugno durante la finale di Champions League Juventus-Real Madrid. Gli imputati hanno scelto di essere giudicati: insieme alla sindaca altri quattro hanno richiesto il rito abbreviato, nove invece hanno optato per il processo, tra cui il direttore di Turismo Torino Daniele Bessone.

La sindaca ha comunicato la scelta durante l’udienza di ieri mattina in tribunale. «Naturalmente - ha precisato Chiara Appendino, chiedendo che il giudizio arrivi il prima possibile - sono convinta che qualunque sia l’esito in tribunale nulla potrà lenire il dolore di chi ha perso una persona cara e, per tutta la nostra comunità cittadina, niente riuscirà a cancellare definitivamente il ricordo di quella tragedia».

CRISTINA PALAZZO

Articoli Correlati

L’estate torinese è a “Cielo Aperto”

Cinema, musica e teatro per chi resta in città durante questa estate post Covid

Gtt: agli abbonati niente rimborsi

Mancano i fondi: con lo stop alle strisce blu in fumo 9 milioni

Guerra delle discotecheCondannato Morano

Per il consigliere comunale, già candidato a sindaco, due anni e quattro mesi di pena