Scontro fatale Indagati i due autisti

  • Milano

Omicidio stradale aggravato e lesioni. Con queste accuse sono indagati dalla Procura entrambi gli autisti dei mezzi che scontrandosi hanno provocato la morte della babysitter filippina Shirley Ortega Calangi e il ferimento di 18 persone, nessuna grave. Un atto dovuto si dice. Anche se in un video si vede il filobus della 90, su cui viaggiava la donna, bruciare il semaforo rosso e scontrarsi con un mezzo Amsa. Si cercano riscontri anche sulla velocità dei veicoli. Per tutti e due gli autisti sono stati disposti esami tossicologici  e sono stati sequestrati i telefonini per capire se lìci sia la spiegazione di quella che sembrerebbe una fatale distrazione. Il Comune e l’Atm sembrano aver fin da subito preso atto delle probabile responsabilità del guidatore dell’Atm, un 28enne assunto in primavera,  anche se la vicesindaca Scavuzzo in consiglio, ha detto che  «tutte le ipotesi sulla dinamica dell'incidente hanno bisogno di essere suffragate da un lavoro competente e minuzioso» aggiungendo che «tutti i mezzi Atm hanno a bordo dei sistemi di sicurezza relativi alla velocità dei mezzi. E Anche Amsa sta fornendo le informazioni in suo possesso».
L’Atm e il Comune si sono resi disponibili per aiutare la famiglia ad affrontare le spese per le esequie in Italia o nelle Filippine. Ieri per Shirley un minuto di silenzio in consiglio comunale.

Articoli Correlati

Domeniche a piedi l'Aci chiede indennizzi

Il presidente dell'Aci contro il progetto delle sette giornate senza auto allo studio si Palazzo Marino

Per il nuovo Buzzi servono 10 milioni

Partito il foundraising per rendere l’ospedale pediatrico un polo d’eccellenza nella cura dei bambini

Presa la baby gang che terrorizzava i Navigli

Sono tutti minorenni egiziani giunti in Italia senza genitori e fuggiti dalle case di accoglienza