Che cosa mi racconta la lettera del boss

  • Maurizio Baruffaldi

Una lettera degna della mitologia del pentimento biblico. Sebastiano Lo Giudice è un boss che ha commesso tutto il peggio possibile, e da dieci anni è detenuto in una cella singola, con un letto, un tavolo e una sedia inchiodata a terra. Isolato dagli altri, ma senza alcuna privacy: non può possedere oggetti personali, neanche un libro, ed è sorvegliato 24 ore su 24. Il modo esterno non esiste. E dopo più di cento mesi di questo oblio, l’ex assassino disinvolto scrive a tutti i ragazzi di Catania. Esordisce invitando a non rovinarsi la vita con alcool e droga, e a lavorare con onestà e dignità. E qui me li vedo i giovani siciliani alzare le spalle di fronte a belle parole inutili. 
Ma poi alza il tiro: “Istruitevi, aprite gli occhi”. Perfetto, sono sinonimi di senso. “Lasciate perdere i falsi miti... non date adito alle millanterie dei quartieri perché prive di fondamento e fine a se stesse”. 
In questa frase c’è finalmente la sofisticata chiamata in causa di Cosa Nostra, quella che ha deciso di non tradire esplicitamente: non è un pentito, non collabora con la giustizia. Il suo pentimento è solo come uomo. Un esercizio contradditorio e funambolico, degno di un avvocato. O di un politico di ultima generazione. 
Quindi si va dove lo porta il cuore, e cita le sofferenza inflitte a quell’appartenenza profonda che è la famiglia. Fino al punto che preferisco. “Ho visto tanti bravi ragazzi perdersi senza capirne la motivazione”. 
Qui sento la svolta. 
È un’assurdità, il crimine tentacolare e organizzato. Perchè ti regala una vita priva di gioia e di scoperta; soltanto bene materiale a un prezzo umano immenso. Tempo che si trasforma in noia e senso di colpa. 
Ora: traspare il tentativo di rimediare a un ergastolo, perché poi Lo Giudice dice che spera di godersi i nipoti, ma se non dovesse sconterà con dignità la sua vita da seppellito vivo. 
È una lettera ambigua, certo. Ma forse è proprio questa ambiguità, sentimento al quale si abbevera da sempre la testa mafiosa, a parlare con efficacia a chi vive circondato da questa dimensione. Chi vuole capire, capirà.

MAURIZIO BARUFFALDI

Articoli Correlati
Maurizio Baruffaldi

Quegli spalti vuotie le voci dal campo

L'opinione di Maurizio Baruffaldi
Maurizio Baruffaldi

L'anima operaiadella bicicletta

L'opinione di Maurizio Baruffaldi
Maurizio Baruffaldi

Bene l'agricoltura, peròa salvarci è la ricerca

L'opinione di Maurizio Baruffaldi