Il re della memoria è un ragazzo italiano

  • memoria

CINA È l’italiano Andrea Muzii il nuovo  campione del mondo di memoria. Muzii ha conquistato il gradino più  alto del podio con 8.170 punti, ai campionati appena conclusi a  Zhuhai, in Cina, dove dal 29 novembre a ieri si sono  confrontati oltre 170 concorrenti da tutto il mondo. Sul podio sono arrivati anche  due “memory athletes” mongoli, Purevjav Erdenesaikhan (con 7.203 punti)  e Lkhagvadotj Batbayar (con 7.112 punti).

Le prime gare solo da quest’anno

Andrea Muzii, romano, 20 anni, studente di medicina, si allena da meno di due anni, ed ha iniziato a gareggiare solo nel corso di quest’anno. E’ reduce dalla vittoria al Campionato Europeo in Svezia, ottenuta due settimane fa. Dopo il campionato del mondo appena conquistato, la prossima tappa sarà a Dubai nel 2020, ossia le Memoriadi, le Olimpiadi dei campioni  della memoria.

Dieci discipline per vincere

Le discipline dei Campionati Mondiali sono dieci: si  memorizzano immagini, carte da gioco, parole, nomi e volti, numeri  sotto dettatura, con diversi tempi e modalità. Per esempio, tra  i record mondiali battuti da Andrea Muzii in questa occasione, c’è il  massimo numero di carte da gioco memorizzate in mezz’ora: 1829 carte  (più di 35 mazzi mischiati e ricostruiti senza errori). Muzii, che detiene 17 record italiani, 8 europei e 6 mondiali  nelle diverse discipline a  Zhuhai ha migliorato 2  record del mondo.

«Serve solo allenarsi con costanza»

Una vittoria ottenuta grazie all’allenamento,  spiega Muzii soddisfatto. «Non è un dono naturale, occorre solo  conoscere le tecniche di memoria, come l’antichissimo metodo del “palazzo della memoria”, ed allenarsi con costanza ogni giorno».

METRO

Articoli Correlati

Al Ghetto in memoria del 16 ottobre

La Raggi in occasione della commemorazione al ghetto ebraico del rastrellamento del 16 ottobre del 1943

Il nuovo campioneNumeri e memoria da record

Matteo Di Cianni di Mondovì vince il Campionato italiano di memoria open 2019

La strage dimenticatadegli operai della Fiorentini

Il 3 marzo 1944 i bombardieri Alleati colpivano la storica fabbrica romana sulla Tiburtina. Nel rifugio antiaereo trovavano una morte terribile 120 lavoratori