«Ricattato da mia moglie “O canti con lei o ti lascio”»

  • Musica/Mina Fossati

MILANO È uno dei dischi più attesi, l’incontro fra due eccellenze italiane: “Mina Fossati”, in uscita venerdì. Un ritorno a sorpresa per il cantautore ligure, che aveva dato l’addio alle scene 8 anni fa.

«Questa è un’eccezione, una gioia che non mi sarei mai negato. Ho avuto solo un momento di incertezza, ma mia moglie mi ha detto: “Se dici no a Mina, chiedo il divorzio”», spiega Fossati nel gremito incontro al Conservatorio di Milano.

L’idea dell’album in comune risale al 1997, poi tutto sfumò per problemi discografici.

Ora, dopo due anni di lavoro, arriva un cd raffinato ed eclettico, con musicisti doc e due voci complici, unite da una comune visione sulla vita.

«È un disco sul presente, che è la cosa più preziosa che abbiamo. Ci piace viverlo, senza guardare al passato. Abbiamo lavorato in totale fiducia puntando più sull’espressività che sugli acuti, come attori che raccontano delle storie».

Assente Mina, Fossati  la racconta così: «Non solo una voce splendida, ma una grande musicista con un grande pensiero. Lei scannerizza i pezzi, ascolta ogni particolare. È sempre avanti ed è una persona adorabile. Senza di lei non avrei scritto queste canzoni». 

 

DIEGO PERUGINI