Teletruffa agli anziani Arrestati in cinque

  • Milano

CITTA' Una organizzazione ben rodata, purtroppo. Il telefonista contattava l’anziano, si fingeva avvocato o appartenente alle forze dell’ordine e gli riferiva che un suo parente stretto si trovava in stato di fermo perché coinvolto in sinistro stradale; e che per farlo rilasciare era necessario pagare una somma in denaro in contanti o la consegna di gioielli. In un secondo momento entrava in azione un “operativo”, che si recava presso l’abitazione dell’anziano, si presentava quale persona inviata dal legale o dall’agente, e prelevava materialmente il denaro o i preziosi. Che finivano a Napoli, dove era raccolto il bottino. La buona notizia, invece, è che cinque persone (tutti italiani) di questa organizzazione criminale sono state arrestate dai carabinieri del comando provinciale di Milano. L’inchiesta, “Condor”, è soltanto l’ultima tappa di un percorso avviato qualche anno fa ed esteso a tutta Italia, che ha già portato a decine di misure cautelari.

Per quanto riguarda i cinque arrestati, sono stati raccolti dati, grazie anche alle dichiarazioni di un indagato, che hanno permesso di mettere a fuoco 23 episodi di truffa (18 consumati/tentati a Milano e 5 a Torino) per un valore di 260 mila euro.

METRO/ADNKRONOS

Articoli Correlati

Scontro fatale Indagati i due autisti

Sequestrati i cellulari e disposti gli esami tossicologici

Grazie a Tosca la Prima più vista di sempre in tv

Successo straordinario per il Teatro alla Scala

Morta la donna sbalzatadal bus passato con il rosso

Si chiamava Shirley Calangi, era filippina e lavorava da anni in Italia