Piccoli artisti crescono nel musical di Mitzi Amoroso

MILANO La cosa funziona così. Un gruppo di bambini dai 7 ai 10 anni studia mesi e mesi. Un giorno alla settimana. Imparano a cantare, incidono  i pezzi. Alla fine, vanno in scena con lo spettacolo. E che spettacolo. Un vero musical, dove loro, piccoli-grandi artisti, cantano e recitano raggiungendo alti livelli, «perché è vero che non abbiamo grandi pretese, ma tutto è tranne che una recita scolastica». A garantirlo, a Metro, è l’artefice, la regista di tutto: la grande Mitzi Amoroso, 84 anni, un passato da cantautrice e da fondatrice delle “Mele verdi”, il gruppo canoro infantile che con Roberto Vecchioni realizzò la sigla di Barbapapà. Da qualche anno in qua, la signora Mitzi si è resa protagonista di una splendida iniziativa, capace di coinvolgere un pubblico festosissimo. Per il secondo weekend di fila (restano sabato e domenica prossimi alle 16, tel. 3480186418), al teatro Wagner, ha fatto il tutto esaurito con “Chi ha paura della paura?”, un musical ispirato a Cenerentola di cui lei stessa ha scritto la sceneggiatura e Paolo Peroni la musica. «I bambini sono di una bravura emozionante», racconta, «respirano l’odore del palcoscenico, imparano a non avere paura. Cantano in playback, ma sono proprio loro, nulla è artefatto. Cantare dal vivo sarebbe possibile solo se uno sponsor ci aiutasse perché le attrezzature sono costosissime». Fondamentale la finalità benefica. Mitzi ha sofferto di depressione, è sensibile «a chi sta peggio di me: fare beneficenza è, per me, pagare una tassa alla vita per aver avuto tre figli e cinque nipotini sani e splendidi». Tutto il racavato, «tutto», sottolinea, va ai malati psichici de I Sempre Vivi Onlus. Anche per loro la signora scrive, «canzoni e copioni divertenti, come “Cappuccetto rosso 30 anni dopo”, con un lupo cattivo sdentato e la nonna di Cappuccetto Rosso centenaria in discoteca...Non si fa del bene solo dando l’elemosina. Ma, anche, facendo teatro».

SERGIO RIZZA
Twitter: @sergiorizza

Articoli Correlati

Scontro fatale Indagati i due autisti

Sequestrati i cellulari e disposti gli esami tossicologici

Grazie a Tosca la Prima più vista di sempre in tv

Successo straordinario per il Teatro alla Scala

Morta la donna sbalzatadal bus passato con il rosso

Si chiamava Shirley Calangi, era filippina e lavorava da anni in Italia