Cucchi, fu omicidio: 12 anni ai due carabinieri

  • caso cucchi

Per la morte di Stefano Cucchi i giudici della Corte d'Assise di Appello di Roma hanno condannato a 12  anni di reclusione Alessio Di Bernardo e Raffaele D'Alessandro con l'accusa di omicidio preterintenzionale. Due anni e sei mesi è la condanna per Francesco Tedesco che è stato assolto dall'accusa di omicidio ma gli è stato imputato il falso. Tre anni e 8  mesi per il comandante della stazione Appia Roberto Mandolini, con l'accusa di falso. Assolto Vincenzo Nicolardi, accusato di falso.

Medici. Poco prima la stessa corte si era espressa anche sui cinque medici coinvolti nel caso di Stefano Cucchi: quattro prescrizioni e un'assoluzione per il medico Stefania Corbi. Questo è stato il responso.

Corte d'Assise. Ci sono volute dieci ore di camera di consiglio alla Corte d'Assise presieduta dal giudice Vincenzo Capozza per maturare la sentenza. Un'ora per ogni anno di attesa della verità sulla morte di Stefano Cucchi avvenuta il 22 ottobre 2009 nell'ospedale Sandro Pertini di Roma, dove era sottoposto a custodia cautelare dopo essere stato arrestato sei giorni prima dai carabinieri della stazione Appia. Secondo la ricostruzione fatta dal sostituto procuratore Giovanni Musarò, nella fase dibattimentale che si è svolta tutta all'interno dell'aula bunker del carcere di Rebibbia dove stasera è stata pronunciata la sentenza, il ragazzo arrestato per droga dai carabinieri una settimana prima della morte, sarebbe stato picchiato selvaggiamente durante le fasi di foto segnalamento da Di Bernardo e D'Alessandro alla sbarra per omicidio preterintenzionale. Nella fase del pestaggio era presente anche un terzo carabiniere, Francesco Tedesco, che condivide con i colleghi la stessa accusa oltre al falso e alla calunnia. A processo inoltrato, le dichiarazioni di Tedesco sono diventate le principali armi dell'accusa dato che il militare ha raccontato una versione diversa rispetto a quella con la quale portò sotto processo i tre agenti della penitenziaria poi assolti. Furono i colleghi, ha raccontato Tedesco, a picchiare il geometra scagionandosi dall'accusa di omicidio tanto che lo stesso Pm ha chiesto per lui pene solamente per il falso e la calunnia. L'altra figura di peso nella vicenda Cucchi, la pubblica accusa l'ha individuata nel maresciallo comandante della stazione Appia. Lui avrebbe coperto e calunniato, come Tedesco e come il quinto indagato, Vincenzo Nicolardi a cui era imputato il solo reato di calunnia, per altro prescritto. "Ci sono voluti 10 anni per dire che Stefano non è morto di suo, per dire che non è caduto dalle scale ma che è morto perché ammazzato di botte", ha commentato la sorella Ilaria Cucchi.

Articoli Correlati

Cucchi, un carabiniereaccusa colleghi del pestaggio

La notizia è emersa nel corso dell'udienza odierna del procedimento

Carabinieri a giudizioper la morte di Cucchi

Tre militari a processo per omicidio preterintenzionale, altri due per falso e calunnia. I difensori: «Fu colpa dei medici»

La perizia su Cucchi: Morte per epilessia

NEll'inchiesta bis i periti escludono decesso per lesioni. Ilaria Cucchi: il perito Introna tenta di scrivere la sentenza finale del processo