Alzheimer, la speranza viene da Aducanumab

  • Usa

USA Dopo un confronto con la Food and Drug Administration, Biogen prevede di richiedere l’approvazione regolatoria di Aducanumab, trattamento sperimentale per la malattia di Alzheimer in fase precoce. Lo studio ha dimostrato una significativa riduzione nel declino  clinico, e i pazienti che hanno ricevuto Aducanumab hanno ottenuto significativi benefici nei parametri cognitivi e in funzioni come memoria, orientamento e  linguaggio. Se approvato, Aducanumab diventerebbe la prima terapia autorizzata per ridurre il declino clinico nella malattia di Alzheimer e sarebbe anche il primo trattamento a dimostrare che la rimozione di beta-amiloide  genera benefici clinici.

«Una speranza»

La decisione di presentare la richiesta di autorizzazione si basa su  una nuova analisi  su un set  più ampio di dati: Aducanumab sarebbe farmacologicamente e clinicamente attivo, dimostrando un effetto dose-dipendente nel ridurre gli accumuli di proteina beta   amiloide nel cervello e nel rallentare il declino clinico.   «Di fronte a una patologia così devastante, che colpisce decine di  milioni di persone del mondo, l’annuncio di oggi rappresenta davvero una speranza nella lotta contro la malattia di Alzheimer», ha commentato Michel Vounatsos, ad di Biogen. «Siamo fiduciosi di poter offrire ai pazienti la prima  terapia che riduce il declino clinico» causato da Alzheimer.

METRO

Articoli Correlati

Lite con il fidanzatoMikaela Spielberg nei guai

Guai giudiziari per Mikaela Spielberg, figlia del grande regista. Pochi giorni fa aveva aveva dichiarato che si sarebbe data al porno

Fecondazione in vitronati baby ghepardi

In uno zoo dell’Ohio venuti al mondo i primi cuccioli di ghepardo nati grazie alla fecondazione assistita

Weinstein colpevoledi violenza sessuale e stupro

Harvey Weinstein riconosciuto colpevole di violenza sessuale e stupro dalla giuria nel processo a New York