Un centro antiviolenza al Campus Einaudi

  • TORINO

Denunciare una violenza subita, parlarne restando tra quelle mura che, vissute ogni giorno per lezioni ed esami, fanno sentire più sicuri. Nel campus Luigi Einaudi il 24 ottobre sarà inaugurato lo sportello antiviolenza, nato da una collaborazione tra l’Università di Torino, che sostiene campagne di sensibilizzazione e realtà impegnate nel tema,  il gruppo di ricerca Varco-Violenza contro le donne (azioni in rete per prevenire e contrastare del Dipartimento di Culture Politica e Società) e i Centri Antiviolenza E.M.M.A. onlus. Saranno, le operatrici del centro a gestire il punto allestito nell’ingresso principale del Cle. In questi giorni già diverse ragazze si sono avvicinate alle operatrici per avere informazioni.
Anche perché la rete in 10 anni ha accolto più di 1.800 donne, 130 solo da gennaio di cui una ventina giovanissime in una provincia che, secondo i dati ministeriali rielaborati dal Sole 24 Ore, si colloca al 22esimo posto per denunce di violenze sessuali. Sono 9,5 violenze ogni 100mila abitanti pari a Roma in percentuale, e un totale di 215 ogni anno nel Torinese che, per reati totali denunciati, sale al quinto posto.
Il centro sarà aperto tutti i giovedì dalle 14 alle 19 con lo spazio informativo e dalle 17 alle 19 con uno spazio di ascolto riservato.
 

Articoli Correlati

La corte di Strasburgoapre caso sulla Thyssen

Per la mancata esecuzione della condanna di due manager tedeschi

Bezzon ci ripensa«Non mi dimetto più»

Lo scontro era sui monopattini. Al tavolo sullo smog la Regione diserta

Monopattini e segwayparte la sperimentazione

Vietati marciapiedi, aree pedonali e portici