Stop al fumo per le future mamme con il "progetto Mariaelena"

  • Gravidanza

ROMA Smettere di fumare non è facile, ma una motivazione forte come la gravidanza, che sia già in corso o si stia programmando, può fare la differenza. Aiutare i futuri genitori a spegnere definitivamente la sigaretta è l’obiettivo del “Progetto Mariaelena” - giovane mamma e volontaria scomparsa prematuramente - nato dalla collaborazione tra il Centro antifumo dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, il Presidio Ospedaliero Macedonio Melloni-A.S.S.T. Fatebenefratelli Sacco e finanziato e promosso dall’Associazione Salute Donna Onlus. L’iniziativa ha il duplice obiettivo di sensibilizzare le gestanti a smettere di fumare eliminando un importante fattore di rischio per il feto e aiutare i papà a dire basta alle sigarette per creare una casa senza fumo. «L’11% (373.00 casi) dei tumori diagnosticati nel 2018 è rappresentato da neoplasie del polmone, causate principalmente dal fumo; accanto a questo abbiamo registrato, nell’ultimo anno in Italia, un notevole aumento del fumo nel sesso femminile - afferma il dottor Roberto Boffi, Responsabile della Pneumologia e del Centro antifumo dell’Istituto Nazionale dei Tumori. La nostra speranza è che la riscossa contro questa pericolosissima tendenza parta proprio dalle future mamme, perché venga da loro una risposta matura e consapevole a dire definitivamente basta ai danni provocati dal fumo attivo e passivo delle sigarette, non solo nel delicato periodo della gravidanza e dell’allattamento, ma per tutta la vita». Dire basta al fumo è possibile e nel 2018, in Italia, ci sono riusciti ben 725.000 fumatori e fumatrici. Proprio la gravidanza può essere l’occasione giusta per smettere di fumare definitivamente, trasformando la necessità di tutela della salute della futura mamma e del feto in un’opportunità per tutta la famiglia di migliorare definitivamente la qualità della propria vita.  «Smettere di fumare lo sappiamo, non è facile, ma per le donne sottoposte a stress legato ai diversi ruoli che rivestono, lo è ancora di più. E la difficoltà varia da persona a persona - spiega Elena Munarini, psicologa referente del progetto - ma molti, pur desiderandolo, non smettono di fumare perché temono di non riuscire. Diventa quindi fondamentale poter contare sull’aiuto dell’esperto per trovare la strada più indicata». Il progetto ha già portato a risultati importanti: quasi 400 le donne e i loro familiari sensibilizzati sul tema, oltre 20 le persone prese in carico e altrettante le donne che hanno smesso da sole in gravidanza.

METRO

Articoli Correlati

Se aspetti un bimbo puoi volare fino alla 37a settimana

Pubblicata le nuova guida del Royal College dei ginecologi inglesi, che consigliano brevi passeggiate contro il rischio di coaguli