Mecna e Sick Luke: «Insieme abbiamo fuso due mondi»

  • Torino/Musica

TORINO Il loro è un incontro fra due mondi diversi, accomunati dall'amore per il rap. E così, dopo un paio di fortunati singoli, Mecna e Sick Luke hanno deciso di proseguire la loro collaborazione con un intero album, “Wonderland”, che oggi alle 18 presenteranno alla Mondadori di via Monte di Pietà. 

Mecna è un rapper sui generis, influenzato da pop, elettronica e canzone d'autore, che s'è fatto notare in passato per cd come “Lungomare Paranoia” e “Blue Karaoke”.

Sick Luke è un giovane e prolifico produttore, dal tocco originale e creativo, con all'attivo lavori per Sfera Ebbasta, Guè Pequeno, Tedua, Emis Killa, Marracash, Fabri Fibra e Dark Polo Gang.

Insieme hanno realizzato un album che vuole essere un territorio in cui gli artisti possano sentirsi liberi di uscire dai propri schemi e fondere musiche e linguaggi diversi.

«Dall’unione dei due mondi è nato qualcosa che non esisteva prima – spiega Mecna - In questo momento in cui ci sono miliardi di macrogeneri che si influenzano tra loro, noi abbiamo creato il nostro». 

Gli fa eco Sick Luke: «Per me è stata una sfida sperimentare in questo disco, che contiene tantissimi riferimenti. Durante il lavoro Mecna mi dava input per fare le cose diversamente da come sono abituato e mi ci sono buttato». 

E per la serata appuntamento al Blah Blah con Liza Colby Sound: «Quando canto, voglio essere tosta, femminile ed emanare sensualità – spiega l'artista newyorchese - Voglio dare dei calci in faccia attraverso il rock’n’roll». 

 

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati

Allo Spazio 211Braithwaite in concerto

Il chitarrista dei Mogwai salirà sul palco questa sera

Un “piano a piano” per Bollani e Valdés

Domani sera all’Auditorium del Lingotto la “sfida” a colpi di note tra i due musicisti

Movement Music Fest, l’elettronica al Lingotto Fiere

Fra i numerosi ospiti del festival, la belga Amelie Lens (nella foto), l'americano Dj Bone, Joseph Capriati e Jamie Jones e l'emergente Anastasia Kristensen