"Italia in bilico tra ripresa e recessione"

  • confindustria

L’economia italiana è “in bilico tra ripresa e recessione”. Lo sostiene il Centro studi di Confindustria  negli scenari di politica economica di autunno. L’Italia appare “ancora sulla soglia della crescita zero, rischiando di cadere in recessione in caso di eventuali nuovi shock, che soprattutto dal fronte estero sono sempre possibili, come mostra l’elevatissimo grado di incertezza oggi presente sui mercati”.    Tra i fattori che hanno frenato l’economia italiana e continueranno presumibilmente a pesare negativamente sulla crescita, Confindustria cita l'apporto sotto le previsioni ai consumi delle famiglie del reddito di cittadinanza: “Le domande pervenute sono state molto inferiori alle attese e potrebbero esserci alla fine di quest’anno 200 mila nuclei beneficiari in meno. In secondo luogo, il rallentamento della Germania, più profondo e duraturo di quanto atteso. Terzo fattore, la fiducia che è su livelli molto ridotti e spinge imprese e famiglie a una gestione più parsimoniosa dei propri bilanci.

Iva. Infine, “sarebbe significativo l’impatto di un aumento dell’Iva delle dimensioni oggi previste dalla legge: questo, infatti, genera effetti negativi sulla spesa delle famiglie e sugli investimenti privati perché, nella realistica ipotesi di una traslazione parziale sui prezzi finali, si traduce in un’erosione sia del reddito disponibile sia dei margini delle imprese”.

Articoli Correlati

"Il reddito? Troppo alto,così scoraggia il lavoro"

Confindustria: "Livello troppo elevato di beneficio economico. Centri per l'impiego in difficoltà"

Boccia: "100% di impreseè contro questa manovra"

Il presidente di Confindustria: "Togliere soldi da reddito di cittadinanza e flat tax"

"Avviati alla decrescitama è tutto tranne che felice"

Il presidente di Confindustria, Boccia: "Potremmo ritornare alla crisi, Governo rifletta"