Bibite e merendine, tassa da 58 euro a famiglia

  • Tasse

La tassa su merendine e bibite gassate allo studio del governo, se introdotta nel nostro paese, determinerà a parità di consumi un aggravio di spesa pari a 58 euro l'anno a famiglia. Lo afferma il Codacons, che ha elaborato alcune stime sugli effetti che il provvedimento avrà sulle tasche degli italiani e sull’economia. Considerando il gettito che il governo pensa di reperire grazie a tale balzello, pari a 1,5 miliardi di euro l’anno, l’impatto della tassa sarà pari a circa 58 euro per ogni nucleo familiare residente, spiega il Codacons, secondo cui l’esperienza di altri paesi che hanno introdotto imposizioni fiscali analoghe ha dimostrato che simili tasse hanno un impatto deprimente sui consumi del comparto, con riduzioni fino al 10%.

Nessun effetto. Secondo il Codacons non si avrebbe alcun effetto reale sulla salute "in quanto i consumatori reagiscono dirottando gli acquisti verso altri prodotti contenenti zucchero, egualmente nocivi ma non colpiti da tassazioni". Le risorse che quindi il governo prevede di reperire grazie a tale tassa - sostiene il Codacons - sarebbero al di sotto delle aspettative e ben lontane dal miliardo e mezzo di euro preventivato. “Proprio per questo la tassa sulle merendine è una tassa ipocrita che vede la netta contrarietà dei consumatori e che serve solo a fare cassa sulla pelle dei cittadini – denuncia il presidente Carlo Rienzi – Il balzello creerà un danno alle aziende del settore con ripercussioni per l’intera economia, senza tuttavia avere alcun effetto sul fronte sanitario”.

Articoli Correlati

Tasse, entro Natale43 miliardi al Fisco

Tra Imu, Tasi, Iva e Irpef entro Natale il fisco italiano incasserà 42,9 miliardi di euro

Irpef: non la pagano12,9 milioni di italiani

I dati del Mef: un italiano su 4 non presenta la dichiarazione dei redditi

Sia Conte che Di Maiosmentiscono la patrimoniale

Unimpresa: "Imprese e famiglie pagheranno, quest'anno, più tasse rispetto al 2018"