Un murale al Gratosoglio contro la violenza

  • Milano

Quattro panchine rosse  al Gratosoglio e un murale della coppia di writers Nabla e Zibe dedicato a Franca Viola, la donna siciliana che nel 1966 rifiutò un matrimonio riparatore con il suo stupratore: così ha preso avvio il progetto AmAbilità di Libere Sinergie, che nei prossimi mesi colorerà altri 4 murales, decine di panchine e di saracinesche in giro per la città contro le violenze sulle donne. Il murale Franca Viola si trova su una delle pareti del cortile del PACTA Salone, il teatro di via Ulisse Dini 7, e verrà inaugurato domani alle 20.30, mentre alle 21 andrà in scena lo spettacolo "Dal Quarto al Quinto Stato - Storie di donne, leggi e conquiste da un quadro a un libro", tratto dal libro "Il Quinto Stato" di Ileana Alesso, con Maria Eugenia d'Aquino, Annig Raimondi (ingresso fino a esaurimento posti, per prenotare tel. 02.36503740).
AmAbilità, progetto vincitore di un bando DPO - Dipartimento Pari Opportunità, vuole trasmettere un messaggio positivo che dica in modo chiaro, e netto, che alla violenza ci si deve e ci si può opporre.

Articoli Correlati

La città scivola nel panico

Già presi d’assalto i supermercati. E da oggi in vigore l’ordinanza che “chiude” la Lombardia

Fnm ora punta sul treno Hyperloop

Firmerà un accordo per uno studio di fattibilità con la società che propone il convoglio a lievitazione. Si punta al Cadorna-Malpensa in 10 minuti

Bambino ucciso Il padre a processo

L'uomo sarà in aula il 27 aprile. Secondo l'accusa avrebbe torturato il piccolo di due anni per due giorni consecutivi, prima di dargli il colpo di grazia