Preso in Spagna stupratore acrobata

  • TORINO

Finisce in Spagna, vicino Valencia, la fuga dell’“uomo ragno”. Il 35enne, di origini gabonesi, è accusato di aver partecipato a una violenza di gruppo nei confronti di una donna in via Bra lo scorso aprile, usandola come merce di scambio per acquistare crack. Il 4 giugno, dopo l’interrogatorio e dopo aver parlato con il suo legale, era fuggito lanciandosi dalla finestra della Questura di Torino con un salto di 7 metri, senza ferirsi. Ma la sua fuga è terminata: è stato rintracciato a Torrevieja ed era in una casa vicino a quella della sorella. Agli agenti ha riferito di chiamarsi Lay Moussa ma in Spagna era con un permesso di soggiorno a nome di Diallo Pape, nato in Senegal mentre il suo volto era su un album di figurine di calcio tra i giocatori di una squadra dilettantistica del Senegal come Fall Pape Bilal. «È stato individuato dopo una ventina di giorni - spiega il dirigente della Squadra Mobile di Torino, Marco Martino - Si è atteso che le procedure internazionali ne consentissero la cattura e si è dato carta bianca ai poliziotti spagnoli per l’arresto. Anche in quel caso ha opposto resistenza». Sarà avviato l’iter per l’estradizione nei prossimi giorni.
CRISTINA PALAZZO

 

Articoli Correlati

Incendio chocalla Cavallerizza

Ancora un rogo nell’edificio patrimonio Unesco

Sassi contro il busautista ferito a Moncalieri

I sindacati chiedono più sicurezza. Confermato lo sciopero in Gtt per il 25 ottobre

Un centro antiviolenza al Campus Einaudi

Apre uno sportello per le universitarie