L'eredità del golfista da tiri lunghi

  • Maurizio Guandalini

L’eredità del golfista Mario Draghi. Driver, bastone per i tiri lunghi. Dal cupolone in vetro. Vista nuvole. Al 43 esimo piano del grattacielo  della Banca centrale europea. A Francoforte. Si fa quello che si può, non l’impossibile. 31 ottobre. E’ il testamento di fine mandato del governatore insonne. I travagli del non più giovane - 72 anni il 3 settembre - banchiere del Vecchio Continente. Che ha sempre vissuto nella condizione assurda, e ambigua, di inventariare i destini di 340 milioni di cittadini, di 19 nazioni, con il solo obiettivo statutario di tenere a bada l’inflazione. Di poco sotto il 2%. Quasi che la moneta sia ovattata in un mondo a sé. Senza passioni, a perseguire elevata occupazione e crescita economica, come, al contrario, rientra negli scopi della Federal Reserve degli Stati Uniti. Che Trump sprona ad abbassare i tassi per infilarsi  a sostenere il sistema produttivo; mentre Draghi sminuzza i tassi ma  esorta la Germania, in rinculo finanziario, ad abbandonare il pareggio dei conti per iniziare investimenti. Farina utile a carburare la locomotiva, che traina pure l’Italia. E soprattutto l’unica leva che può favorire l’aumento dei prezzi.

Ieri è partito l’ennesimo bazooka del quantitative easing. 20 miliardi al mese di acquisto di titoli di stato, e di altro tipo, dalla banche, in cambio dell’immissione di denaro fresco che “dovrebbe” incentivare i prestiti verso le imprese e far crescere l’inflazione. Dovrebbe, appunto. E’ un auspicio. Una intenzione. Un affidamento ai buoni uffici delle banche commerciali. Quelle private. Dove teniamo i risparmi. Dal braccino corto. Poco disposte a dare una mano a famiglie e aziende, indebitate, in una economia che non cresce. Quindi, il quantitative easing ha salvato le banche cariche di titoli tossici, ha curato lo spread acquistando titoli di stati indebitati ma, alla lunga, è vittima dei grandi limiti funzionali, propri, della Banca centrale europea. Dal non stampare moneta in giù. Alla fine,  il ‘draghismo’, non per colpa sua, è incompiuto.

MAURIZIO GUANDALINI

Articoli Correlati
Maurizio Guandalini

Che cosa ci insegnail surplus di risparmio

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Artiglieria pesantecontro il crollo

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Il genio che se ne vae la domanda che resta

L'opinione di Maurizio Guandalini