Auditorium, tra Ribot Britti-Gazzè & co.

  • Marc Ribot

ROMA Grandi protagonisti della scena musicale italiana e internazionale nei primi mesi di programmazione del Parco della Musica. Dopo le inaugurazioni nei giorni scorsi dei festival “Un striscia di terra feconda” e Jammin’ la stagione dell’Auditorium entrerà nel vivo nei prossimi giorni con il concerto di domenica del chitarrista Marc Ribot. Il musicista amerciano, a lungo collaboratore di Tom Waits ed Elvis Costello e autore della colonna sonora del film di Martin Scorsese “The Departed”, torna a esibirsi nella Capitale per presentare il suo nuovo album “Songs of Resistance 1948-2018”.

Il disco mette insieme una serie di canzoni tratte dai canti antifascisti dei partigiani della seconda guerra mondiale, dal movimento per i diritti civili degli Stati Uniti alle ballate messicane. Ma non mancheranno anche composizioni originali che il chitarrista di Newark eseguirà con la sua band.

Al live del chitarrista americano seguiranno a settembre quelli di Motta, Alberto Urso e Josè Gonzalez. A ottobre arriveranno fra gli altri il trio di Brad Mehldau, Art Ensemble of Chicago, Dardust, Luca Barbarossa, mentre a novembre satà la volta di Francesco Renga, Jethro Tull, Nek, Glen Hansard, Rickie Lee Jones e Premiata Forneria Marconi.

Tanta musica, come da tradizione, anche a dicembre con Archive, Vinicio Capossela e l’atteso concerto del 26 di Max Gazzè e Alex Britti con il batterista Manu Katchè e il trombettista Flavio Boltro (Info: 0680241281).

 

 

STEFANO MILIONI

Articoli Correlati

Ribot: Ceramic Dog è freepunk e underground

Domenica sul palco del Monk il grande chitarrista americano sarà in scena con Ismaily e Ches Smith

La chitarra di Marc Ribot suona per Jazz Evidence

Appuntamento domenica sera, al Monk, con l’eclettico musicista americano