Grande attesa sui mercati per le mosse di Draghi

  • Bce

Grande attesa sui mercati per il penultimo governing council presieduto da Mario Draghi che potrebbe prevedere nuove misure di stimolo della Bce. I falchi del Nord Europa sono tornati però a esprimersi contro la possibilità del lancio di un nuovo Quantitative easing nell'immediato e a sottolineare i rischi legati a un contesto finanziario in cui i tassi negativi sono diventati la normalità. 

Spettro recessione. Germania e Olanda sembrano allineate su una posizione attendista. Non manca tuttavia chi fa notare che gli ultimi dati economici in Europa e le aumentate possibilità di una Brexit 'no deal' non consentano più grossi margini di dubbio. E per questo sono molti gli analisti che auspicano l'avvio immediato di un pacchetto di allentamento monetario da 30-50 miliardi di euro al mese per un valore complessivo di oltre 800 miliardi.    Le divergenze di opinione all'interno del direttivo lasciano però pensare che a prevalere sarà l'attesa. Ad esempio Gero Jung, capo economista di Mirabaud asset management, ritiene "improbabile che venga lanciato un Qe2 a pieno titolo in questo momento per due motivi. In primo luogo, anche se la situazione macroeconomica attuale non è favorevole, non è neanche catastroficamente negativa. In secondo luogo, le recenti comunicazioni di alcuni membri della Bce e i verbali pubblicati in precedenza lasciano pensare che ci sia ancora una certa prudenza sul punto".

Articoli Correlati

Nuovo bazooka di Draghi:da novembre riparte il QE

Bce riavvia il QE: gli acquisti procederanno al ritmo di 20 miliardi al mese

Lagarde: "Servirà a lungouna politica accomodante"

La presidente designata della Bce, Lagarde: "Le sfide dell'attuale politica monetaria non sono scomparse"

Draghi: "Prima di agireaspettiamo altri dati"

il presidente della Bce Mario Draghi su un nuovo Qe. "Fmi? Non credo proprio, non sono disponibile"