Giovane coppia di scultori dal cuore verde

  • WWWORKERS

Wwworkers è la community dei lavoratori della rete, dipendenti o imprenditori che operano con le nuove tecnologie e che si raccontano su wwworkers.it e su Metro.

PISTOIA Galeotto è stato un viaggio in sud-America. È lì che Sara Ghilarducci, nata a Pistoia ventotto anni fa e appassionata di arte e turismo, ha incontrato il suo attuale compagno di vita e di lavoro.  «Ci siamo conosciuti nel 2013 in Colombia. Christian è un attore di teatro nato a Santiago del Cile», racconta Sara. Da quell’incontro è nata Tikitaka sculture in movimento, un’impresa artigiana navigabile su sculturetikitaka.com. «Nello slang cileno Titikaka significa qualcosa di pronto. E in fondo l’essere pronti e vicino al cliente è ciò che proviamo a dimostrare ogni giorno». Sara e Christian partono da materiali obsoleti, rotti e in disuso per creare opere in piccole scene teatrali. Si tratta di creazioni realizzate recuperando spesso il legno. Così teatro e scultura si fondono: questi oggetti da un gusto rustico ed elegante si animano con un semplice giro di manovella. E poi si arriva agli automi, ovvero opere che prendono vita con meccanismi azionati con le mani. «Sono cento per cento fatte a mano con materiale di scarto. L’automa appartiene al genio italiano, anche Leonardo Da Vinci aveva creato nella sua vita veri e propri automi, come un leone animato. Sono opere alla base della robotica, in fondo sono dei robot embrionali», precisa Sara.
La bottega è a Firenze, mentre il laboratorio di sei metri per sei è a Borgo a Buggiano, frazione di Buggiano, ottomila anime nel pistoiese. «Ma con Internet riusciamo ad essere ovunque nel mondo perchè è una vetrina utilissima. Abitualmente per raccontarci usiamo Instagram e Facebook». Così i contatti arrivano dai posti più sperduti, come per esempio dalla Norvegia. «E pensare che siamo partiti contattando i vicini di casa», ricorda con orgoglio Sara.

 

GIAMPAOLO COLLETTI
@gpcolletti