Banchi di scuola una ripartenza “soft”

  • Scuola

Vacanze finite per milioni di studenti: in diverse regioni le lezioni sono già riprese e nel corso della settimana la prima campanella suonerà ovunque. Per molti non sarà facile riadattarsi subito e riprendere il ritmo giusto. La cosiddetta "sindrome da rientro", quella che moltissimi adulti sono stati già costretti ad affrontare ritornando a lavoro, colpisce anche tra i banchi di scuola. La buona notizia è che i fastidiosi sintomi - stanchezza, irritabilità, ansia, mal di testa, tristezza, ecc. - passeranno nel giro di qualche giorno. Nel frattempo è possibile gestirli seguendo qualche semplice consiglio.
I rimedi
Gli esperti della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (Sipps), ad esempio, raccomandano di riprendere i vecchi orari: andare a letto presto per svegliarsi più riposati la mattina al suono della prima campanella. Per riuscirsi i pediatri raccomandano di evitare la sera l’uso di tablet, videogiochi o televisione, che possono disturbare il sonno. Anche l'alimentazione può fare la sua parte. Utilizzare un’alimentazione regolare basata su 5 pasti al giorno scanditi come segue: colazione, spuntino di metà mattino, pranzo, merenda, cena, applicando i principi della dieta mediterranea, con cibi provenienti da coltivazione biologica, abbandonando gli inevitabili strappi alimentari dell’estate, dicono i pediatri della Sipps. L’inizio della scuola, quindi di mattine trascorse prevalentemente seduti tra i banchi, dovrebbe essere subito accompagnato dalla ripresa di una regolare attività fisica. Oltre all’iscrizione a corsi di sport o a giochi strutturati, è bene continuare a trascorrere tempo all’aria aperta, sfruttando il più possibile le belle giornate rimaste.
I racconti delle vacanze
Via libera anche ai racconti estivi: ricordare in famiglia le belle esperienze trascorse, anziché ignorarle, non può che fare bene. Un nuovo anno scolastico può essere anche l’occasione per riacquisire o acquisire buone abitudini, specialmente quelle che fanno bene alla schiena. A questo proposito la Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (Siot) ha diffuso una serie di consigli utili sulla corretta postura dei ragazzi. In primis, si raccomanda di indossare zaini leggeri, cioè con un carico non superiore al 15%  del peso corporeo del ragazzo. Poi gli esperti consigliano di fare attenzione nel mantenere la posizione corretta del tronco sui banchi di scuola. Infine, la Siot raccomanda l'uso limitato del tablet e, invece, il divieto assoluto dello smartphone in classe.

Articoli Correlati

Arriva la bussolanel mondo dei dislessici

È di due ragazzi l’idea di un’app per aiutare i bambini con disturbi dell’apprendimento

Campanella di allarmeper le scuole insicure

Legambiente scrive una lettera aperta al Governo per la messa in sicurezza degli istituti

Vaccini, in aula si entrasolamente se in regola

Vaccini, a scuola si entrerà senza problemi solo ad una condizione: essere in regola. Cosa dice la legge