Pronto soccorso, si cambia Ecco i nuovi codici

  • Salute

“Cambia l’assetto dei servizi ma soprattutto l’approccio nei Pronto soccorso. Con l’Accordo Stato-Regioni di oggi si realizza un cambiamento importante con tre obiettivi fondamentali: evitare i ricoveri inappropriati, ridurre i tempi di attesa e aumentare la sicurezza delle dimissioni”. Lo ha sottolineato Stefano Bonaccini, Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, commentando il via libera alle Linee di indirizzo nazionali sul Triage Intraospedaliero, sull'Osservazione Breve Intensiva e quelle per lo sviluppo del Piano di gestione del sovraffollamento in Pronto Soccorso.    

Codici e colori. Cambia la codifica nell’accettazione: previsti codici numerici da 1 a 5 a cui le Regioni potranno associare un codice colore:

1 - Rosso per un’emergenza che necessita di un accesso immediato;

2 - Arancione per urgenze che vanno gestite entro brevissimo tempo;

3 - Azzurro per interventi che vanno gestiti entro un’ora;

4 - Verde per urgenze minori da gestire entro due ore;

5 - Bianco per interventi non urgenti da gestire entro quattro ore.

Transizione. E’ previsto un periodo di transizione di 18 mesi e si punta a una migliore organizzazione delle aree e degli spazi, distinguendo, nell’ambito della presa in carico, un’area di osservazione breve e intensiva che comporti, oltre all’osservazione clinica, una terapia a breve termine e la possibilità di approfondimenti diagnostici.

Articoli Correlati

Un cane allunga la vitaLo dicono anche i medici

Studio: avere un cane è associato a una riduzione del 24% della mortalità per tutte le cause

Quanto a salutenella Ue siamo al top

I risultati del Rapporto Meridiano Sanità. Servono più investimenti

L’integratore non bastaconta lo stile di vita

Il ministero della Salute stila un “decalogo” per i tanti (ormai la metà della popolazione) che li usano