Morto Camilleri, papà di Montalbano

  • Addio #Camilleri

ROMA Si è spento oggi, a 93 anni, Andrea Camilleri, “papà” del commissario Montalbano. Il grande scrittore siciliano era ricoverato da tempo all'ospedale Santo Spirito di Roma. 

Le sue condizioni secondo il bollettino medico “si erano aggravate. Per volontà del maestro e della famiglia le esequie saranno riservate. Verrà reso noto dove portare un ultimo omaggio”.

Se ne va così un grande scrittore ma anche un grande uomo, un intellettuale che ha saputo dar voce alle incongruenze del nostro tempo.

Camilleri è stato sceneggiatore, regista, drammaturgo e insegnante di italiano. Ha insegnato anche regia all'Accademia nazionale d'arte drammatica.

Era nato il 6 settembre 1925 a Porto Empedocle.

Moltissimi i messaggi sui social: da Fiorello, Luca Zingaretti, Fabio Fazio fino alla Polizia di Stato passando addirittura per Matteo Salvini.

Con lui Camilleri aveva avuto un diverbio nello scorso giugno. Tutto era partito da una frase dello scrittore siciliano, che aveva criticato con toni forti il comizio con rosario del vicepremier: «Non credo in Dio - aveva detto -, ma vedere Salvini impugnare il rosario dà un senso di vomito».

Immediata e secca la replica del Ministro su Facebook: «Camilleri dice che “Salvini che impugna il rosario mi fa vomitare”, gli dico Camilleri scrivi che ti passa».

Il battibecco a distanza fra i due aveva scatenato le reazioni piccate dei sostenitori di Salvini, che avevano iniziato a commentare sui social le notizie sullo scrittore con dure invettive e parecchi insulti.

Oggi, il tweet per l'addio al Maestro provoca l'ennesima reazione degli utenti che accusano Salvini di essere un “ipocrita” e un “provocatore”.  

Chissà se Camilleri, ovunque sia adesso, se la starà godendo.

PATRIZIA PERTUSO

Articoli Correlati
Addio #Camilleri

Camilleri/Tiresia,l'omaggio della Rai

Oggi alle 15 al cimitero acattolico in via Caio Cestio di Roma l'ultimo saluto al grande intellettuale scomparso ieri