I nostalgici del Meazza già sul piede di guerra

  • Milano

Sembra già tutta in salita la discussione sul nuovo stadio di Milan e Inter. Su due punti in particolare: il raddoppio di cubature in deroga ai limiti del Pgt, grazie alla legge sugli studi e, soprattutto, l’abbattimento del Meazza che ha fatto insorgere mezza città e spinto un indignato Sandro Mazzola a dire che lui nello stadio nuovo non ci metterà mai piede. «Credo si aprirà un bel dibattito politico, che piaccia o meno San Siro ha un ruolo importantissimo  - ha detto ieri il sindaco Giuseppe Sala che non fa mistero di essere un “nostalgico” del Meazza e che  lì vorrebbe l’inaugurazione delle Olimpiadi 2026 - non è certamente un tema da vedere come rapporto tra le società e sindaco o giunta ma il consiglio dovrà avere un ruolo importante». Il punto, dice, è dialogare con le società ed evitare il muro contro muro, che porterebbe le squadre ad abbandonare Milano per spostare il progetto a Sesto San Giovanni. Tra l’altro, segnala il primo cittadino, lo stadio fa parte del patrimonio comunale e la sua demolizione potrebbe sollecitare la Corte dei Conti. Ora il Comune ha 90 giorni di tempo per rispondere a Inter e Milano, già pronte a consegnare il nuovo impianto nel 2023.

PAOLA RIZZI

Articoli Correlati

L'Oasi del clochard chiudeL'appello di Furlan dei City Angels

Esperimento unico in Europa sotto sfratto

Sala scrive ai milanesi«Aumento Atm per il futuro»

Dopo il muro contro muro Regione verso l’accordo tariffario

Biglietti Atm, eccocosa cambia da lunedì

Istruzioni per il nuovo sistema tariffario