Bertoni/Abbondanza per il Pitecantropo free jazz

  • Milano/Danza

MILANO Entrare nell’animalità espressa dal celebre contrabbassista, pianista e compositore statunitense Charles Mingus che, nel 1956, uscì con il suo album storico intitolato “Pithecanthropus erectus”. Lo fa stasera e domani, alle 21.45, all’ex Pini la compagnia Abbondanza/Bertoni nel loro “Erectus Pithecanthropus” per il festival “Da vicino nessuno è normale”. 

Il progetto, regia e coreografia sono di Michele Abbondanza e di Antonella Bertoni . In scena danzano Marco Bissoli, Fabio Caputo, Cristian Cucco e Nicolas Grimaldi Capitello

Lo spettacolo, come il precedente “La morte e la fanciulla”, trasforma musica e corpi in suono da vedere, trovando la musicalità necessaria nel genere del free jazz.

I quattro danzatori danno forma ad un punto di vista maschile in un’esaltazione di corpi e anime per definire il marziano maschio del ventunesimo secolo. Nell’ascolto di questo “libero jazz” si restituiscono corpi in libertà, sfrontatezza e rottura delle convenzioni.

«Attraverso una musica dalla radice nera - spiegano  AbbondanzaBertoni - disfiamo e mescoliamo i codici della danza bianca che vengono riconosciuti a tratti, ma composti in modo selvatico, libero, imprevedibile; come “risputati” da questi danzatori in libertà che portano un background diverso tra di loro. È uno scardinare la disciplina dentro cui si muove l’umano, verso un’origine di spaccatura, di nascita, di uomo nuovo, dionisiaco» (Info: olinda.org).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Cristiana Morganti danza Pina Bausch

La storica interprete del Tanztheater di Wuppertal al Teatro dell’Arte nel suo “Moving with Pina”

MilanOltre 2018riparte dalla Corea

La rassegna curata da Rino De Pace, al via oggi all'Elfo Puccini, punta sulla Corea del Sud e sulla Cina

Olivier Dubois ritorna a danzare

Stasera al Teatro dell’Arte per la rassegna “La Francia in scena”