Ultimo all’Olimpico racconta “La favola”

  • Roma/Musica

ROMA Tutto esaurito da giorni lo Stadio Olimpico per il concerto di stasera (ore 21,30) di Ultimo. Il cantautore - romano di San Basilio, firma fra le più amate della nuova scena del pop italiano - torna a esibirsi nella sua città con “La Favola”, un concerto speciale che chiuderà idealmente il trionfale “Colpa delle Favole Tour” di cui è stato protagonista quest'anno. 

Vincitore nel 2018 nella categoria “Nuove Proposte” del Festival di Sanremo con “Il ballo delle incertezze” e secondo posto, con coda polemica, nell'ultima edizione del festival con la canzone “I tuoi particolari”, Ultimo, al secolo Niccolò Moriconi, ripercorrerà nel suo concerto tutte le fasi più significative del suo ancora breve ma già così intenso percorso artistico, dall'esordio di “Pianeti” a “Ipocondria”, il singolo più recente tratto dal nuovo album “Colpa delle Favole”.

Ultimo ha iniziato a scrivere canzoni appena quattordicenne, durante i suoi studi di pianoforte e composizione al Conservatorio di Santa Cecilia.

La sua ascesa nell'universo musicale è iniziata nel 2016 con la vittoria dell’“One Shot Game”, prestigioso concorso di hip hop organizzato dalla Honiro Label, l'etichetta discografica con la quale ha firmato un contratto e che poi inizierà a produrlo.

È sempre nel 2016 che pubblica il suo disco d'esordio “Pianeti”, un lavoro in cui si incontrano sempre di più rap, pop e canzone d'autore, uno dei marchi di fabbrica della sua  produzione.

Al primo album segue nel 2018 “Peter Pan”, il il lavoro della sua consacrazione.

STEFANO MILIONI

Articoli Correlati

Note in Vaticano da Lionel Richie a Mamhood

Il concerto di domani, che vedrà sul palco anche Elisa e molti altri, sarà trasmesso da Canale 5 il 24 dicembre in prima serata

La Banda Bassotti ricorda Sigaro

Sabato a Largo Venue il concerto in cui la band ripercorrerà le tappe fondamentali del suo percorso

Roberto Vecchioni esplora L’infinito

Mercoledì al Teatro Brancaccio, tappa romana del tour del cantautore milanese