Culle vuote Un anno da record

  • Istat

ROMA. Il popolo italiano continua a diminuire: dal 2015 sono oltre 400 mila i residenti in meno e nel 2018 si è registrato un livello minimo di nascite, il più basso dall'Unità d’Italia (1861 tanto da configurare  una fase di declino demografico. A ciò si deve aggiungere l'aumento dell’emigrazione di cittadini italiani all’estero (+1,9%). È questo il quadro della popolazione italiana, presentato dall'Istat nel bilancio demografico del 2018. Nell’ultimo anno, la popolazione residente ammonta a 60.359.546, oltre 124 mila in meno rispetto il 2017 (-0,2%) e oltre 400 mila in meno rispetto a quattro anni prima. Il calo - secondo l’Istat - è interamente attribuibile alla popolazione italiana, che scende, al 31 dicembre, a 55 milioni 104 mila unita', 235 mila in meno rispetto il 2017 (-0,4%). Se si parte dal 2014, la perdita di cittadini italiani (residenti) è pari alla scomparsa di una città grande come Palermo (-677 mila).
Fattori strutturali
Il 2018 si caratterizza, dal punto di vista demografico, anche per il record negativo delle nascite. La diminuzione è di 18 mila unità, -4% rispetto al 2017. La diminuzione delle nascite nel nostro Paese si deve principalmente a fattori strutturali. Infatti, si registra una progressiva riduzione delle potenziali madri dovuta, da un lato, all’uscita dall’età riproduttiva delle generazioni molto numerose nate all’epoca del baby-boom, dall’altro, all’ingresso di contingenti meno numerosi a causa della prolungata diminuzione delle nascite osservata a partire dalla metà degli anni Settanta. Il calo è in atto dal 2008, ma nel 2015 il numero è sceso sotto il mezzo milione. Da un punto di vista geografico, la diminuzione è più accentuata al Centro (-5,1% rispetto al 2017).  «Come ci ha detto l’Istat - commenta il il presidente nazionale del Forum delle associazioni familiari, Gigi De Palo - negli ultimi 4 anni crescono di quasi il 2% gli italiani che lasciano lo Stivale e siamo costantemente sotto  la soglia critica delle 500 mila nascite annue, con un’emorragia  demografica mai interrotta dal 2008. Che cosa serve ancora per capire che senza politiche familiari serie, strutturate e di sostegno alla
 natalità l’Italia è destinata a scomparire?».

 

Articoli Correlati

Istat, l’inflazione andrà in monopattino

Aggiornati i beni del paniere 2020 per la rilevazione delle spese. Ecco che cosa entra...

Aumentano gli italianiche emigrano all'estero

Rapporto Istat: ​aumentano gli italiani che si trasferiscono all’estero

Secondo trimestre nero"Probabile contrazione del Pil"

Istat: La probabilità di contrazione del Pil nel secondo trimestre è "relativamente elevata"