Tariffe Atm domani si riparte

  • Milano

Domani di nuovo in aula, con un fardello di circa 500 emendamenti per lo più presentati dall’opposizione per fare ostruzionismo sulle nuove tariffe Atm. In discussione non è l’aumento del biglietto a 2 euro, già deciso dall’autorità di bacino, che sarà in vigore dal 15 luglio, ma riduzioni e agevolazioni, come il biglietto breve a prezzo ridotto, o la rateizzazione dell’abbonamento a 50 euro per i disoccupati. La Lega intanto ha iniziato una raccolta di firme contro l’aumento, questione su cui vuole giocarsi la partita per il sindaco, nel 2021. Dietro le quinte comunque si lavora ad un’intesa taglia emendamenti molti fatti con il copia e incolla e differenze infinitesimali. Campionessa degli emendamenti fotocopia Silvia Sardone del gruppo misto, ora europarlamentare della Lega. Un esempio: sull'ipotesi di biglietto breve ci sono emendamenti per ogni ipotesi di lunghezza:  7 km, 8 km, 9 km, ecc. 

Articoli Correlati

L'Oasi del clochard chiudeL'appello di Furlan dei City Angels

Esperimento unico in Europa sotto sfratto

Sala scrive ai milanesi«Aumento Atm per il futuro»

Dopo il muro contro muro Regione verso l’accordo tariffario

I nostalgici del Meazza già sul piede di guerra

Sala: «Ne discuterà il consiglio comunale»