Pulcinella, la principessa e lo spread

  • CARLO BARBIERI

I due amici, pensionati da un pezzo, si erano divisi come sempre il giornale e lo commentavano davanti alle tazzine di caffè ormai vuote: erano il loro passaporto per potersi sedere al tavolino del bar e leggere il giornale a scrocco.
– Mi pare la stessa storia di Pulcinella e della principessa! – fece Gennaro, che da bravo partenopeo mai naturalizzato romano, riusciva a fare entrare Napoli in qualsiasi discorso. – Dichiarava che era "mezzo fidanzato" con la principessa perchè lui voleva lei, ma lei non voleva lui. 
– Mi fai pensare a uno che voleva comprare la mia macchina dicendo che "lui alla banca aveva già chiesto il finanziamento", ma intanto quella si rifiutava di darglielo a un interesse accettabile perché era troppo indebitato. Ma a chi ti riferisci, in particolare? 
– Al governo, che sta facendo come quello che voleva l’auto. Dice che vuole spendere i soldi che si fa prestare sul mercato dei titoli di stato come gli pare. Però chi glieli presta dice "col cavolo che con i debiti che hai ti dò i soldi a interessi bassi". E lo spread aumenta.  
– Però non ho capito c'entrano Pulcinella e la principessa.
– Come non hai capito? Come Pulcinella, abbiamo deciso di farci prestare i soldi a basso interesse e di spenderli come vogliamo, ma il mercato non è d'accordo. 
– Certo che questo mercato è un poco str... 
– Ma tu hai la liquidazione sempre in Btp?   
– Ma scherzi? Non sono mica scemo. Li ho venduti. Ci ho perso un po', ma l'Italia ha un debito troppo alto, penso all'Argentina... lo so che è esagerato, ma voglio dormire tranquillo. 
– Ma se li hai venduti perdendoci, a chi li ha comprati a un prezzo basso rendono di più, giusto? 
– Certo. 
– E quindi vendendoli a prezzo più basso "per stare tranquillo" hai fatto aumentare i rendimenti.
– Giusto. 
– Cioè lo spread. Io ho fatto pure la stessa cosa. E quindi?
– Il mercato siamo noi, ho capito. Mi correggo. Il mercato non è str... 

CARLO BARBIERI

Articoli Correlati

Lui, più maestrodegli altri

L'opinione di Carlo Barbieri

Quanti danni fachi truffa con le Onlus

L'opinione di Carlo Barbieri

La donna che considerai confini assurdi

L'opinione di Carlo Barbieri