«Furto magliette? Sono tranquillo»

  • Marco Carta

 MILANO «Sono tranquillo per settembre anzi non vedo l’ora». Così Marco Carta a margine della conferenza stampa di presentazione del nuovo album “Bagagli leggeri” e del suo nuovo libro a Milano. «In un primo momento c'è stata una paura generale sia della casa discografica che della casa editrice ma dopo anche la pronuncia del giudice tutti si sono calmati. Non sarebbe stato giusto non farli uscire né nei miei confronti né in quelli dei fan. Per questo motivo ho anche aggiunto un capitolo su questo episodio, più che gli aspetti tecnici mi sono soffermato sul lato emotivo. È stata un po' come una seduta dallo psicologo», ha aggiunto. Il cantante si riferisce alla recente vicenda di un furto di magliette di marca in un negozio, per il quale era stato fermato e poi subito rilasciato.  «Non ero conscio di cosa stesse succedendo – ha aggiunto – altrimenti mi sarei dissociato o avrei cercato di impedirlo».

«Non avevo due opzioni, anche se a caldo forse me le sono anche date, poi ho deciso di fare quello che mi pare. Quindi ho pensato 'hai fatto qualcosa?' no, allora comportati come hai fatto finora», ha risposto Carta ai giornalisti che gli chiedevano se avesse pensato di sparire o fare sentire la sua presenza dopo l’arresto a Milano. «Non ho voluto perdere il focus su libro e disco perché ho lavorato tanto per realizzarli materialmente. Non era un fatto unico di business ma rispetto verso me stesso», ha concluso.

 

METRO

 

Articoli Correlati

Furto, Marco Carta"Non sono stato io"

Il cantante ed ex concorrente di Amici, Marco Carta, è stato arrestato a Milano per aver rubato delle magliette alla Rinascente

Marco Carta: «Sono gaye ho un compagno»

Il cantante sardo, in uscita con un nuovo sindolo, fa coming out a Domenica: «Basta nascondersi» dice alla D'Urso

Carta: In Tale e Qualegiocherò a fare l'attore

Il cantante cagliaritano racconta il suo prossimo esordio nello show di Rai 1 condotto da Conti