Olimpiadi e lavoro Ecco la giunta Cirio

  • TORINO

TORINO Un incontro a fine mese col ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, e da luglio le giunte itineranti sul territorio, prima tappa Novi Ligure per parlare di Pernigotti.

Sono i primi impegni della nuova squadra di governo che ieri è stata presentata dal neo presidente della Regione Alberto Cirio. È composta da 11 assessori, tra cui tre donne e una media di 43 anni. «La velocità era la nostra prerogativa: abbiamo nominato la giunta in sette giorni e oggi è pienamente operativa», annuncia Cirio che durante l’insediamento ha già stabilito quale sarà l’indirizzo del governo.

Anche nel confronto con le istituzioni locali, in primis la sindaca Chiara Appendino: «Sarò il primo amico nel momento in cui ci sarà condivisione su progetti comuni. Su ciò che entrambi riterremo utile per la regione e per la città di Torino marceremo insieme. Diversamente - aggiunge - non credo sia sbagliato avere anche idee divergenti, purchè si abbia il buon senso di sedersi intorno a un tavolo e vedere quale possa essere una linea di equilibrio comune». Tra i primi temi in agenda l’autonomia - «lavoreremo immediatamente, portando il Piemonte alla pari con le altre regioni del Nord» - e le Olimpiadi 2026 per la cui assegnazione, secondo il neo presidente, «la partita non è ancora chiusa».

CRISTINA PALAZZO

Articoli Correlati

No Tav, a Chiomonteestesa la zona rossa

Torino, estesa con un'ordinanza la zona rossa attorno al cantiere di Chiomonte, in Val di Susa

La Schellino vicesindaca Maggioranza ricomposta

Appendino parla di clima di condivisione. Il test lunedì

Pollicino via dal M5SLa “conta” decisiva

La maggioranza della Appendino perde un pezzo. Montanari vaticina una città «inchiodata». Il caso Motovelodromo