Flat tax e Ue, scontro dentro il governo

  • GOVERNO

ROMA Clima pesante nel vertice economico che si è tenuto ieri a Palazzo Chigi, definito ufficialmente «interlocutorio». In realtà il vicepremier Matteo Salvini ha ribadito con forza la volontà di inserire la Flat tax nella nuova manovra, a prescindere dagli aggiustamenti necessari per evitare la procedura di infrazione Ue. Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, ha osato ricordare che non ci sono le risorse necessarie e non sono possibili ulteriori sforamenti del deficit. A quel punto Salvini, dopo aver annunciato che la Lega ha «un pacchetto pronto dotato delle coperture», ha abbandonato la riunione lasciando in asso Tria, Conte e Di Maio.

«Serve compromesso»

«Con la Commissione europea l’Italia deve assolutamente arrivare a un compromesso», ha poi ribadito Tria che oggi dovrà vedersela con i ministri dell’Economia degli altri Paesi Ue. Intanto il presidente francese Emmanuel Macron apre a sorpresa ad un appoggio alla cancelliera tedesca Angela Merkel come presidente della Commissione europea: «L’Europa - ha sostenuto Macron - ha bisogno per i suoi vertici di personalità forti».

Caos sulle cassette

Per quanto riguarda il Fisco italiano, Salvini ha fatto una mezza marcia indietro: «Non metteremo alcuna tassa sui conti correnti, sulle cassette di sicurezza o patrimoniale: semplicemente stiamo lavorando per estendere la pace fiscale non solo alle cartella esattoriali di Equitalia». Poi ha aggiunto: «Usate la parola che volete, condono non è una parolaccia».

Sbloccacantieri

Salvini ha poi riunito la squadra di governo leghista e messo in fila le priorità in calendario: dalla riforma di scuola e università al sostegno ai disabili, dalla difesa dei prodotti agroalimentari italiani al superamento della direttiva Bolkestein «nonostante l’opposizione Ue». E ancora: l’approvazione dell’Autonomia e la riforma della giustizia. Ieri sera alla Camera il voto sulla questione di fiducia posta dal governo sul decreto Sbloccacantieri e l’esame degli ordini del giorno. Il voto finale è previsto per questa mattina. Con il via libera definitivo da parte di Montecitorio il provvedimento diventerà legge. Stop dei lavori invece delle commissioni Bilancio e Finanze della Camera sul dl Crescita. Le votazioni sugli emendamenti riprenderanno oggi in giornata, al termine del voto dell’Aula sul decreto Sbloccacantieri, e dovrebbero andare avanti a oltranza. Si cercherà in queste ore di sciogliere il nodo Radio Radicale.

METRO

Articoli Correlati

"Qualcosa si è rotto"La crisi è alle porte

Nel pomeriggio Salvini a Palazzo Chigi ha avuto un colloquio con Conte. Governo nel caos dopo il voto sulla Tav

Tav, bocciato il M5SNel Governo voci di crisi

L'Aula del Senato ha bocciato la mozione M5S contro la Tav. Alta tensione nel Governo

Autonomia, tra M5S e Legaè di nuovo scontro

Autonomia, Di Maio: "Stiamo scrivendo un nuovo testo". Stefani: "Quale nuovo testo?"