Sarri, annuncio a ore Sarà una Juve con il 4-3-3

  • Calcio

CALCIO Tutto fatto alla Juventus per l’arrivo di Maurizio Sarri. L’annuncio ufficiale dovrebbe arrivare tra oggi e domani. A far slittare la firma del tecnico toscano con la Signora è il fatto che il Chelsea libererà Sarri solo dopo aver trovato il sostituto: paradossalmente la “colpa” (per così dire) di questa lungaggine sarebbe anche di Massimiliano Allegri, che avrebbe rifiutato l’offerta dei londinesi. Ma i dirigenti di Stamford Bridge ieri hanno incontrato per l’ennesima volta Frank Lampard, non la primissima scelta a causa della sua scarsa esperienza in panchina (viene da una super stagione trascorsa sulla panchina del Derby County, trascinato a un passo dalla Premier League). Per i bookies, però, sarà lui il nuovo tecnico dei Blues.
 Che Juventus sarà?
L’unca certezza è il modulo: sarà 4-3-3 pure alla Juve. E, come in ogni squadra di Sarri, ci saranno degli “intoccabili”, di cui già si intuisce il profilo: Szczesny, Rugani, Chiellini, Pianjc, Emre Can, Bentancur, Alex Sandro, Bernardeschi e Kean, oltre che, neanche a dirlo, Cristiano Ronaldo. Potrebbe essere sacrificato Cancelo, cercato finora insistentemente solo dal Manchester City. Ma, visto il modo di leggere il calcio del nuovo allenatore (per ore in pectore) dei bianconeri, potrebbero dover fare i bagagli De Sciglio, Spinazzola, Matuidi, Douglas Costa. In tutto questo, ieri come oggi rischierebbe di trovare poco spazio nel 4-3-3 anche Paulo Dybala. E forse la Juve potrebbe fare le sue valutazioni.

Articoli Correlati

Tra Milan ed Interun derby ad alta tensione

Il derby di Milano arriva in un momento delicato: il Milan non ha ancora convinto, l'Inter è con il morale a terra dopo il balbettante debutto in Champions

Torino-Lecce 1-2I granata steccano, niente vetta

Il Torino perde in casa 1-2 con il Lecce e manca l’occasione di raggiungere il primo posto con l’Inter

Verona-Milan 0-1Piatek, il gol arriva su rigore

Il Milan passa a Verona in una gara difficile: segna il bomber polacco, che mette così fine alla maledizione che gli negava la via della porta