Là dove spende e quanto la generazione dei Millennials

  • Giovani

ROMA Come spendono e quanto spendono i Millennials, target più ambito e fascia di consumatori che agni azienda si impegna a conquistare? I nati tra il 1987 e l’anno 2000, oltre a essere una categoria sociologica sono infatti un’interessantissima e iper-monitorata categoria economica, capace non solo di muovere i consumi oggi, ma soprattutto di dettare tendenze che consentono a un prodotto o a un servizio di affermarsi e crescere. A livello globale, infatti, i Millennials non solo rappresentano il gruppo demografico più numeroso del mercato (secondo i demografi del Pew Research Center sono circa 2,3 miliardi di persone; in termini assoluti, l’India, la Cina, gli Stati Uniti, l’Indonesia e il Brasile rappresentano quasi la metà dei Millennial del mondo), ma hanno da un elevato potenziale di spesa (entro il 2025 costituiranno il 75% della forza lavoro globale), e soprattutto possiedono l’abilità di influenzare le preferenze di tutte le altre categorie di consumatori.

Abbigliamento, accessori e tech

Una prospettiva per andare a decifrare le tendenze di consumo di domani è quella che passa attraverso i dati raccolti dall’Ufficio Studi Hype, soluzione di light banking. L’età media degli Hypers è di 33 anni e la crescita della clientela è trainata dagli utenti tra i 18 e i 29 anni (che solo nel 2018 sono aumentati del 300%). Aggregando gli hashtag più utilizzati per categorie merceologiche e di servizi, l’Ufficio Studi  ha analizzato verso quali categorie merceologiche e di servizi si orienta oggi la spesa. Al primo posto per numero di transazioni (e al secondo per ammontare complessivo di spesa) si posizionano gli acquisti per abbigliamento e accessori, al secondo posto l’acquisto di strumenti di elettronica e software: un dato che sottolinea come in Italia il bene materiale abbia ancora un’attrattività molto forte e guidi le tendenze d’acquisto. In terza posizione, transazioni relative alla categoria viaggi e turismo, cui  seguono le spese per la ristorazione, l’intrattenimento e la pratica sportiva.

Millennials e Generazione X

Altra particolarità italiana riguarda la vicinanza tra i dati relativi ai Millennials e quelli che indicato le occasioni d’acquisto degli over 30: anche a trainare le spese della generazione più senior si ritrovano, per numero di transazioni, la categoria Abbigliamento e Accessori e la categoria Elettronica e Software, in sostanziale continuità con le opzioni degli under 30.  Una spiegazione  può essere data dal fatto che, indipendentemente dall’età, si usano ormai piattaforme di pagamento full digital a prevalente utilizzo da mobile.

METRO

Articoli Correlati

Bamboccioni italiani“solo” quarti nella Ue

Secondo Eurostat, restano a casa con i genitori più di noi croati, slovacchi e maltesi.

Aperte le candidatureper l’Hackathon Unilever

Dedicato a 216 giovani, tra laureandi e neolaureati

Calano i "mammoni"che vivono con i genitori

Meno mammoni per la prima volta in dieci anni. Intanto sulle pensioni resta lo scontro