Tredici Pietro: «Faccio rap e canto me»

  • Musica/Morandi Jr.

MILANO È figlio d'arte, ma non si considera un “viziato”. Tanto che nella sua vita ha fatto un po' di tutto, inclusi lavoretti in pizzeria e supermarket. Tredici Pietro ha come papà il mitico Gianni Morandi: «Abbiamo un buon rapporto,  segue la mia carriera. Sono preparato ai confronti e allo scetticismo, ma vado per la mia strada. Un duetto insieme? Non mi sembra il caso, facciamo musiche troppo diverse», spiega il 22enne bolognese.

Tredici Pietro, infatti, fa rap, come nell'ep che esce oggi, “Assurdo”: «Un titolo che riassume la mia storia. Non vengo dalla strada, ho fatto il liceo classico, non faccio il duro, non seguo gli stereotipi del rap. Eppure sono riuscito a costruirmi una mia credibilità». Il tutto senza seguire la moda trap: «Preferisco il rap vecchia scuola, di cui cerco di dare una versione attuale. Canto di me e del mondo. E voglio crescere come artista». 

DIEGO PERUGINI