È conto alla rovescia per la nuova maturità

  • Scuola

ROMA Disponibili sul sito www.miur.gov.it i nomi dei componenti delle commissioni dell’esame di maturità. Tappa di decisiva di avvicinamento alla prove di giugno. La prima, lo scritto di italiano (senza più la traccia di storia), è in calendario mercoledì 19 giugno. Al momento - gli scrutini sono ancora in corso - sono 520.263 i candidati iscritti agli esami. Il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, ha assicurato che in questi mesi «scuole e maturandi sono stati accompagnati verso questo traguardo che quest’anno presenta alcune novità previste dal decreto 62 del 2017. Non faremo mancare il nostro appoggio». La novità principale riguarda la seconda prova scritta, che diventa con due materie, in base all’indirizzo di studio. Non ci sarà più il “quizzone”, cioe' la prova scritta multidisciplinare, e scomparirà all’orale la tesina.

Addio quizzone e tesina

Al suo posto gli studenti dovranno scegliere lo spunto da cui iniziare il colloquio sulla base di tre proposte fatte dalle commissioni esaminatrici. Nella prova scritta di italiano ci saranno tre tipologie: analisi del testo, produzione di un testo argomentativo e riflessione critica di carattere espositivo. Per la seconda prova scritta, che si svolgerà il 20 giugno, le due materie del liceo classico saranno latino e greco, matematica e fisica per lo scientifico, scienze umane e diritto ed economia politica per il liceo delle scienze umane-opzione economico sociale.

Prova in due parti

Per quanto riguarda la composizione della prova, al liceo classico sarà articolata in due parti: una versione, un testo in prosa corredato da informazioni sintetiche sull’opera, preceduta e seguita da parti tradotte per consentire la contestualizzazione. Seguiranno tre quesiti di comprensione e interpretazione del brano con la sua collocazione storico-culturale. Per lo scientifico, la prova riguarderà la soluzione di un problema a scelta tra due proposte e la risposta a quattro quesiti tra otto proposte.

METRO

Articoli Correlati

Campanella di allarmeper le scuole insicure

Legambiente scrive una lettera aperta al Governo per la messa in sicurezza degli istituti

Banchi di scuolauna ripartenza “soft”

A scuola le campanelle tornano a suonare: qualche dritta per evitare la “sindrome da rientro”

Vaccini, in aula si entrasolamente se in regola

Vaccini, a scuola si entrerà senza problemi solo ad una condizione: essere in regola. Cosa dice la legge