FOG riparte con la prima della Müller

  • Milano/Teatro

MILANO La seconda edizione di FOG Triennale Milano Performing Arts si fa in tre. Perché tre sono i diversi debutti che oggi propone in diversi spazi della città. Una prima nazionale è quella di  “Hors-Champ” della coreografa croata, ma parigina di adozione, Ivana Müller in programma stasera, con replica domani, alle 19, alle 20 e alle 21, a Triennale Teatro dell’Arte. Una performance ambientata in un campeggio artificiale di tende e interpretata dai suoi stessi spettatori.

Ognuna delle tende in scena accoglie due persone che non si conoscono tra loro. All’interno di ciascuna di esse, i partecipanti-spettatori trovano una conversazione scritta che, seduti al riparo da sguardi indiscreti, leggono insieme, determinando così, in base ai loro tempi di lettura, cosa succederà nel momento in cui si troveranno nella tenda.

Come punto di partenza di “Storm Atlas” del collettivo italiano Dewey Dell, di scena solo stasera, alle 22.30, al Santeria Social Club, ci sono invece tutte le tipologie di tempeste esistenti. Lo spettacolo è seguito dal live esclusivo dei britannici Plaid, uno dei gruppi di riferimento della scena elettronica.

Infine, da stasera a domenica a Zona K, gli eclettici Deflorian/Tagliarini presentano “Scavi”, una performance per un numero limitato di spettatori che mostra le scoperte effettuate dalla compagnia nella fase di indagine del loro precedente spettacolo, “Quasi niente”, liberamente ispirato a “Il deserto rosso” di Michelangelo Antonioni (Info: triennale.org).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

L’Elfo Puccini puntasulla drammaturgia francese

L’apertura del cartellone è affidata alla maratona “Angels in America” in cui il protagonista è Angelo Di Genio

«I diritti dei gay con Costantino hanno più verve»

Giorgio Bozzo firma la regia di “The Boys in the Band” tradotto da Della Gherardesca

Danio Manfredini presenta “Luciano”

Da stasera all’Elfo Puccini lo spettacolo di cui Manfredini è autore, regista e protagonista