Inzaghi e Sarri Una poltrona per due

  • Calcio

CALCIO Il valzer è già cominciato. Prima di pensare ai giocatori, il ballo riguarda gli allenatori. Anche se tutti al momento viaggiano a fari spenti. Del resto manca ancora una giornata al termine del campionato: da lunedì, poi, via con qualcosa di più concreto.
Juve: niente Deschamps
In primis dovrebbe muoversi la Juve, pur se non è da escludere che davvero Paratici e Nedved aspettino la fine delle competizioni europee: ogni giorno che passa, insomma, potrebbe portare a uno tra Sarri (soprattutto) e Pochettino, mentre ieri Deschamps si è chiamato fuori dalla mischia. Resta sempre Simone Inzaghi, certo: per nulla tramontato, anzi, allenatore low cost che però offre garanzie più che discrete e che secondo molti è il vero obiettivo bianconero. Dovesse perdere il suo tecnico, Lotito avrebbe intanto identificato in De Zerbi (Sassuolo) il successore.
 Rebus Roma
Nella capitale, sponda giallorossa, si cerca sempre Gasperini: se però l’Atalanta andrà in Champions, la Roma potrebbe vedersi costretta a cambiare obiettivo. E quindi: il “solito” Sarri, che difficilmente resterà al Chelsea anche dovesse vincere l’Europa League, Bielsa, oppure uno tra Mazzarri (che però ha contratto con il Toro) e Giampaolo.

Giampaolo al Milan?
Quest’ultimo è finito anche nei monitor del Milan, alle prese però con problemi dirigenziali oltre che con la margherita-Gattuso. Pochi dubbi invece in casa Inter, la cui panchina è destinata a Conte.

Domenico Latagliata

Articoli Correlati

La Roma risponde a Totti"Lontano dalla realtà"

Il club giallorsso risponde per le rime, in una lunga nota ufficiale, alle accuse lanciate dall'ex capitano il giorno del suo addio

Giampaolo al Milanoggi arriva la firma

Marco Giampaolo diventerà oggi ufficialmente il nuovo allenatore del Milan. Giovedì mattina invece la presentazione di Sarri alla Juventus

Juve, titolo a rotolidopo l'illusione Guardiola

Due giorni di burrasca dopo la notizia dell'arrivo del nuovo tecnico toscano. Indiscrezioni sul sì di Guardiola avevano portato a maxi rialzi