Sicurezza: scatta il piano integrato

  • TORINO

TORINO Le zone “critiche” saranno Aurora e Barriera da gestire con interventi urgenti, in parallelo si definirà un accordo per la sicurezza integrata in tutta Torino che dovrebbe essere pronto entro l’estate. E passerà attraverso la videosorveglianza, l’illuminazione pubblica, i progetti nelle scuole ma anche i controlli nel commercio per valutare eventuali infiltrazioni criminali e le azioni per rinforzare il tessuto sociale. È quanto definito dal comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica nel percorso condiviso con forze dell’ordine ed enti e che si è riunito ieri in prefettura.

Al tavolo, oltre al prefetto Claudio Palomba, alla sindaca Chiara Appendino e agli assessori Alberto Sacco, Roberto Finardi e Sonia Schiellino, c’era il comandante provinciale dei carabinieri Francesco Rizzo, il questore Giuseppe De Matteis, il comandante della polizia municipale Emiliano Bezzon e diverse associazioni del territorio, tra cui Confindustria, Confesercenti, Camera di commercio, Cna e Abi. Il percorso proseguirà con i presidenti di circoscrizione e le organizzazioni sindacali per istituire tavoli di osservazione. «Vogliamo andare incontro alle paure e alle esigenze dei cittadini in un progetto di sicurezza integrata, così come è articolato sarà un ottimo progetto», ha sottolineato il prefetto.

CRISTINA PALAZZO

Articoli Correlati

No Tav, a Chiomonteestesa la zona rossa

Torino, estesa con un'ordinanza la zona rossa attorno al cantiere di Chiomonte, in Val di Susa

La Schellino vicesindaca Maggioranza ricomposta

Appendino parla di clima di condivisione. Il test lunedì

Pollicino via dal M5SLa “conta” decisiva

La maggioranza della Appendino perde un pezzo. Montanari vaticina una città «inchiodata». Il caso Motovelodromo