Urlano «negro di m...» al giocatore di basket 13enne

  • Milano

«Buongiorno. Sono la mamma di un ragazzino che oggi ha giocato un triangolare allo Schuster under 13. Mio figlio è stato adottato in Etiopia. È italiano dalla pelle nera. Vorrei ringraziare quei genitori che dagli spalti gli hanno urlato “negro di m”'. Complimenti. Evviva lo sport». A scriverlo su Facebook è Rita Aicardi, la mamma di G., adottato a sei mesi, che ha voluto parlare apertamente del clima di crescente intolleranza che da qualche mese circonda il figlio. Il ragazzino è stato offeso nel corso di un torneo di basket tra alunni delle scuole medie a Milano. Chi assisteva dagli spalti e tifava per la società Tigres lo ha preso di mira e gli ha urlato offese razziste. G. le ha sentite e una volta arrivato a casa ne ha parlato con i genitori. «Non è stata la prima volta», ha ammesso con la mamma, che ha subito utilizzato i social per parlare della brutta vicenda. La madre  ha anche raccontato che fino alla seconda media il figlio non aveva mai avuto problema, ma che da un anno a questa parte il clima è cambiato.
Dopo l’episodio, la stessa società ASD Tigers si è dissociata «completamente ed in maniera netta dall’accaduto. Da sempre lottiamo contro ogni episodio di discriminazione di ogni forma e tipo e continueremo a farlo fino a quando episodi come questo non esisteranno più» aggiungendo «faremo in modo di avere più chiarezza sull'accaduto».

Articoli Correlati

L'Oasi del clochard chiudeL'appello di Furlan dei City Angels

Esperimento unico in Europa sotto sfratto

Sala scrive ai milanesi«Aumento Atm per il futuro»

Dopo il muro contro muro Regione verso l’accordo tariffario

I nostalgici del Meazza già sul piede di guerra

Sala: «Ne discuterà il consiglio comunale»