Leonardo mai visto al Castello Sforzesco

Riapre oggi al pubblico  dopo 6 anni di studi e restauri la Sala delle Asse, il più importante ambiente del Castello Sforzesco  in cui Leonardo da Vinci lavorò nel 1498 su incarico di Ludovico il Moro, dopo  il Cenacolo. In occasione dei 500 anni dalla morte di Leonardo, la Sala,  scoperta alla fine dell’800 dopo cinque secoli travagliati in cui divenne anche deposito di armi e stalla con gli affreschi  ricoperti di calce, sarà visitabile fino al 12 gennaio 2020. Durante la ricostruzione del Castello, nei primissimi anni del Novecento venne scoperta una complessa decorazione pittorica che nei progetti ricopriva la grande sala (15x15 per oltre 10 metri di altezza) trasformata in un gigantesco trompe-l'oeil: al centro una radice (detto il Monocromo perché disegnata a carboncino), alla base un pergolato di 18 alberi di gelso che si intrecciano sulla volta sorreggendo uno stemma e targhe Sforzesche. Attraverso la scenografica installazione multimediale “Sotto l'ombra del Moro”, i visitatori sono guidati nella lettura dello spazio integrale della Sala, spostando l'attenzione dalla volta alle pareti laterali, capendo come Leonardo abbia sviluppato qui il suo concetto di imitazione della natura tanto da immaginare un sottobosco e, al di là degli alberi, case e colline all'orizzonte. Per il sovrintendente Claudio Salsi del castello è l’evento più importante dell’anno Leonardesco a Milano. 

Articoli Correlati

«Ho ucciso mio figlioperché non dormivo»

Confessa l'uomo che ha picchiato a morte i suo bimbo di 2 anni

Urlano «negro di m...»al giocatore di basket 13enne

La denuncia della madre adottiva su Facebook

Cappelli da alpinopersi e ritrovati

Nasce il gruppo facebook dopo la grande adunata