Il Flowers Festival punta sulla società e schiera Gazzelle

  • Torino/Musica

TORINO È uno dei punti di riferimento dell'estate musicale del Torinese. E anche per il 2019 il Flowers Festival ha in serbo una lunga serie di appuntamenti in equilibrio fra divertimento e impegno.

Da giovedì 27 giugno a sabato 20 luglio, nel Cortile della Lavanderia a Vapore nel Parco della Certosa di Collegno (un'area attrezzata per 5000 spettatori), si ascolterà di tutto e di più, all'insegna del motto “Building A New Society”. Il tema della ricerca di nuove fondamenta per una nuova società è alla base anche del cast, con la scelta di artisti che si stanno interrogando attraverso la propria opera su come costruire una nuova società e su quali valori farlo. 

Si spazia dall'it-pop di Gazzelle (16 luglio), che ben  interpreta il senso di inadeguatezza per questo mondo, agli Ex-Otago (3 luglio) di Maurizio Carucci, che affianca alla sua professione di musicista quella di contadino in un piccolo comune della Val Borbera. 

Ma ci saranno anche Ezio Bosso, Yann Tiersen, Olafur Arnalds, Motta, The Zen Circus, Rancore, Pinguini Tattici Nucleari, MadMan, Jack Savoretti e molti altri.

Ciliegina sulla torta, l'unica data italiana (19 luglio) dell'icona folk Joan Baez. Info e programma completo: www.flowersfestival.it.

Nell'attesa ecco per stasera e domani allo Spazio211 le prime due semifinali torinesi di Emergenza Music Contest: sette band per ciascuna serata si sfideranno per arrivare alla finale regionale di giugno che li vedrà esibirsi sul palco dell'Hiroshima.  

 

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati

Il cuore pop di Giorgia batte al Pala Alpitour

Il tour prende il nome dal suo cd composto da cover

Coma_Cose al Concordia: «Ci piace contaminare»

Il duo presenta l’album d’esordio “Hype Aura”

Elisa riempie il Lingotto per tre sold out

L’artista giuliana canterà live i brani tratti da “Diari aperti” e molti dei suoi vecchi successi