«Non saremo più indie, ma non cambieremo»

  • Musica/Thegiornalisti

MILANO Il singolo dell’estate? Uno dei candidati è “Maradona y Pelé” dei Thegiornalisti, in uscita venerdì. Un pezzo da ballare, fra sonorità tropical e melodia pop, con citazioni sparse, da De Niro a Sandokan fino alle due icone calcistiche.

«È un altro passo avanti, una canzone diversa. Magari all’inizio verrà criticata, poi la canteranno tutti. Spero», dice Tommaso Paradiso, ieri sera sold out a Milano, che inaugura un rapporto con una major, chiudendo il suo lungo periodo indie.

«Siamo partiti dal basso e siamo arrivati qui. Ma non riesco ancora a fare un bilancio, sono frastornato. Cambierà qualcosa, ma non il mio modo di scrivere».

Nel suo futuro un film, una commedia romantica a sfondo musicale, ma prima la grande festa a chiusura del Love tour, il 7 settembre al Circo Massimo di Roma.

In coda una chiosa politica: «Non sono un tecnico, ma non credo si debba aizzare la parte più brutta della gente. Io canto l'amore e l’odio mi spaventa». 

DIEGO PERUGINI

Articoli Correlati
Musica/Thegiornalisti

Thegiornalisti: «Abbiamo inaugurato un nuovo pop»

Tommaso Paradiso, leader della band che stasera sarà su Sky Arte con uno speciale, si racconta a Metro aspettando il tour