Processo Expo, chiesti 13 mesi per Beppe Sala

  • Milano

«Sala non è credibile quando cerca di minimizzare il problema». È un passaggio della requisitoria del sostituto pg Massimo Gaballo che ha chiesto di condannare il sindaco Giuseppe Sala a un anno e un mese di carcere per falso ideologico e materiale per aver falsificato  due verbali  nelle sue vesti di ad e commissario straordinario di Expo, retrodatando di 13 giorni un verbale. Stessa pena sollecitata per il suo allora braccio destro Angelo Paris. «È provata al di là di ogni ragionevole dubbio - ha affermato il magistrato - la decisione di retrodatare gli atti per rendere sanabile la procedura di gara»  per l'assegnazione del mega appalto per costruire la Piastra di Expo, poi vinta con un maxi ribasso dalla  Mantovani. Sala aveva sostenuto di non avere mai avuto «la consapevolezza della retrodatazione dei verbali», acquisita solo dopo essere stato indagato e di aver agito perché i lavori erano in  ritardo. Il Pg ha chiesto di condannare anche l'ex presidente della Mantovani spa che si aggiudicò la gara e l'ex dg di Ilspa Antonio Rognoni.

Articoli Correlati

Domeniche a piedi l'Aci chiede indennizzi

Il presidente dell'Aci contro il progetto delle sette giornate senza auto allo studio si Palazzo Marino

Per il nuovo Buzzi servono 10 milioni

Partito il foundraising per rendere l’ospedale pediatrico un polo d’eccellenza nella cura dei bambini

Presa la baby gang che terrorizzava i Navigli

Sono tutti minorenni egiziani giunti in Italia senza genitori e fuggiti dalle case di accoglienza