Le scale immobili? Ho una soluzione

  • CARLO BARBIERI

Martedì 7, dopo 40 giorni di fermo, sono state "dimesse" dalla clinica le quattro scale-non-più-mobili della turisticissma fermata di piazza di Spagna. Un record di lungo-degenza a cui si aggiunge quello della più veloce "ricaduta" nel settore scalamobilistco: giovedì 9 due delle "guarite" si sono fermate di nuovo.

Le reazioni dei passeggeri andavano dal perplesso "Unbelievable" di flemmatici britannici, al "Pays de merde" di francesi – che di questi tempi con gli italiani sono più incazzati del solito – all'arabo  "Khos ommak" che non vi traduco, ma vi dico solo che è rivolto alla mamma del colpevole. Penso che la più bella battuta, a giudicare dalle risate che si sono fatte i connazionali, l'abbia fatta un cinese, ma purtroppo non parlo la lingua. Invece ho apprezzato molto il "Minchia che schifo" di una arrabbiatissima ragazza veneta, prova vivente (e su due belle gambe) del meraviglioso effetto-maionese che il commissario Montalbano sta avendo sulla nostra (mai del tutto compiuta) unità nazionale. Meglio dell' Inno di Mameli.

Rimanendo sugli italiani, c'era chi se la pigliava con i Casamonica, chi con la Raggi, chi con i Rom e chi con Casa Pound, chi ci vedeva dietro una faida politica giallo-contro-verde e persino verde scuro contro verde pisello, chi una manina politica e chi la manona degli appalti...

Io invece, cari miei, ho un'altra idea: né enorme incompetenza né colossale sfiga possono giustificare quello che sta succedendo alle scale mobili della metro della capitale d'Italia. Quindi non cerchiamo responsabili umani: dietro tutto questo ci dev'essere qualcos'altro. Forse il voodoo caraibico o il juju africano. O le scie chimiche. O un complotto dei priorati di Sion. Ecco, forse Dan Brown con quel cavolo di "Angeli e Demoni" ha irritato le forze del male capitoline e quelle ce la stanno facendo pagare. Ma allora smettiamola di perdere tempo e chiamiamo al capezzale delle metro di Roma un bel consulto interforze con uno sciamano, un sensitivo paranormale e il mago di Napoli. Che ne dite?

CARLO BARBIERI

Articoli Correlati

Quanti danni fachi truffa con le Onlus

L'opinione di Carlo Barbieri

La donna che considerai confini assurdi

L'opinione di Carlo Barbieri