Una Filarmonica tutta nuova

MILANO Nasce in città una nuova orchestra sinfonica, seppure non stabile. Si chiama, familiarmente, “LaFil” e avrà un’ottantina di elementi tratti dalle prime parti di prestigiose compagini: Scala, Santa Cecilia, Wiener, Mahler Chamber, Nazionale Rai, Opera di Roma, Pomeriggi Musicali tra le altre. A loro si uniranno giovani e promettenti professionisti. Insieme, sotto l’ala prestigiosa di Daniele Gatti, debutteranno tra il 31 maggio e il 2 giugno al Palazzo delle Scintille, cuore della vecchia Fiera. L’iniziativa si sostiene unicamente su forze di privati: i quattro soci fondatori sono Luca Formenton (presidente dell’editore Il Saggiatore), Roberto Tarenzi, viola del Quartetto Borciani, Carlo Maria Parazzoli, 1° violino di Santa Cecilia e Marco Seco, direttore italo-argentino, affiancati da Intesa SanPaolo, Galleria d’Italia, Generali, Citylife. Il Comune patrocina. Ma non solo. L’assessore Del Corno, alla presentazione dell’iniziativa, «che seguiamo con attenzione e passione», ha detto: «Abbiamo immaginato che LaFil sia l'ideale soggetto per la futura programmazione del Teatro Lirico». Certo, prima deve concludersi il cantiere, e il Consiglio di Stato deve dirimere la questione della gestione. 

Il debutto alle Scintille con il primo “progetto”, dedicato alle sinfonie di Schumann: il 31 maggio e il 2 giugno biglietti gratis per l’occasione (iscrizioni su www.lafil.com). In autunno ciclo Brahms. Poi concerti da camera e residenze. In Italia e, si spera, all’estero.

SERGIO RIZZA

Articoli Correlati

In migliaia in piazzaper Liliana Segre

Manifestazione bipartisan davanti al Binario 21

Bruciò le sorelle per l'eredità

Il caso era stato archiviato, ma la procura di Milano ha riaperto le indagini

L'ergastolano in permesso perché «affidabile e cambiato»

Il pluriomicida ha accoltellato un anziano per rapina